Home / News / Il sindaco di Udine attacca ospite del Terzani: «Gad Lerner pregiudizievole e di parte»

Il sindaco di Udine attacca ospite del Terzani: «Gad Lerner pregiudizievole e di parte»

Nel giorno del compleanno di Angela Staude Terzani, un altro attacco contro vicino/lontano e la scelta degli ospiti. Dopo l'assessore alla cultura, questa volta l'affondo arriva dal primo cittadino Fontanini

Dopo Tiziano Terzani, il festival vicino/lontano e i suoi organizzatori, a Udine, a finire al centro delle polemiche è Gad Lerner tacciato di essere"uno dei giornalisti più pregiudizievoli e di parte tra quelli che operano sulla piazza italiana". Questa volta l'attacco arriva dal primo cittadino di Udine, Pietro Fontanini, che in un post su Facebook, ieri - giorno del compleanno di Angela Staude Terzani - ha ribadito che "il festival culturale dovrebbe essere plurale sia per quanto riguarda i contenuti che per i relatori invitati".

"Se si scorrono i programmi di Vicino/Lontano degli ultimi anni si può facilmente notare come la maggioranza dei giornalisti e autori invitati siano stati sempre marcatamente schierati a sinistra", affonda Fontanini, citando l’ex direttore del Messaggero Veneto, Sergio Gervasutti, che "auspicava, anche saggiamente, in un suo recente intervento, che ci potesse essere da parte degli organizzatori del festival la volontà di smussare certi eccessi “politici” di parte in cambio di una maggior apertura al dialogo da parte della nuova amministrazione di centro-destra. Anche perché, aggiungeva, se non si è capaci di confrontarsi con i “vicini”, è difficile pensare di riuscirci con i “lontani”".

E' proprio "l’aver invitato, in occasione della consegna dei riconoscimenti ai vincitori del Premio Terzani 2019, Gad Lerner - uno dei giornalisti più pregiudizievoli e di parte tra quelli che operano sulla piazza italiana" a dare un chiaro segnale, sempre secondo il primo cittadino del capoluogo friulano, che "sembra andare in direzione opposta alla ricerca di un vero dialogo".

Il post non è passato inosservato e, in risposta alla notizia apparsa oggi sul Messaggero Veneto, Fontanini ironizza sul titolo scelto "che fa veramente sorridere".

Titolando “Fontanini Attacca Lerner”, spiega il sindaco della Lega Nord "il giornale evita di affrontare l’aspetto politico della mia critica e il lettore è indotto a travisare le mie osservazioni rispetto a questo festival. Quello che ho voluto esprimere nel mio post di ieri è che Vicino/Lontano non opera “in autonomia rispetto ai poteri politici”, o meglio, agisce in opposizione ad alcuni schieramenti (leggasi centro-destra) e in totale sintonia con altri (leggasi centro-sinistra). Ribadisco - conclude il sindaco di Udine Fontanini - che la mia non è una critica ai protagonisti della manifestazione, ma alle scelte degli organizzatori di privilegiare sempre i temi cari alla sinistra".

Insomma, a poco più di un mese dall'inaugurazione del festival letterario e della consegna del Premio Terzani allo scrittore Franklin Foer, le polemiche non accennano a diminuire, annunciando un'edizione che difficilmente sarà dimenticata.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori