Nel 2024 tassa dei rifiuti più cara a Udine per le famiglie meno numerose

Rincari a +6.9% per le utenze non domestiche. Stanziato fondo di 500 mila euro per neutralizzare i rincari per commercianti e le famiglie in difficoltà
Giancarlo Virgilio

Dopo i ritocchi – al rialzo – delle aliquote Irpef, il Comune di Udine nel 2024 modificherà anche i costi della tassa sui rifiuti. La Giunta De Toni ha infatti approvato le tariffe TARI da mettere a regime dal prossimo primo gennaio, previo vaglio del Consiglio Comunale, atteso il prossimo 27 maggio.

Gli aumenti colpiranno in particolare le utenze non domestiche con rincari medi del +6.9% su spazi con una superficie di 100 mq.  Proprio per contenere i costi e venire incontro ai commercianti, Palazzo d’Aronco ha pensato di stanziare un fondo di copertura di 100mila euro per aiutare in particolare ristoranti, osterie, pizzerie, bar e pasticcerie, oltre ai rivenditori di pesce, ortofrutta, piante, fioristi. Altri 400 mila euro saranno destinati a sostegno dei nuclei familiari in difficoltà (il bando è aperto fino al 31 maggio). 

Le famiglie udinesi più colpite dagli aumenti saranno quelle meno numerose. I nuclei con 3, 2 o 1 componenti subiranno rispettivamente rincari medi dello 0,69%, dell’1,63% e del 4,91%. In quest’ultimo caso, ad esempio, il rincaro è di 4 euro annui. Per le famiglie più numerose, invece, la gestione dei rifiuti urbani diminuirà: le famiglie composte da 4 componenti godranno di una diminuzione dello 0,46%; i nuclei da 5 persone vedranno un -1,10 sul bollettino; mentre le famiglie di 6 o più persone avranno una riduzione dell’1.53%.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia