Home / News / Ancora bar chiusi: gravi episodi a danno di ragazzine e disabili

Ancora bar chiusi: gravi episodi a danno di ragazzine e disabili

Si tratta del Bar Al Cavallino e del Bar Marconi, a Pordenone

Pordenone. Il Questore sospende per 45 giorni l’attività del “Bar Marconi” e per 30 giorni quella del “Bar Al Cavallino”: gravi episodi a danno di ragazzine e disabili.

Nel pomeriggio di oggi, lunedì 22 luglio, il personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale e dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Pordenone hanno eseguito 2 provvedimenti di sospensione ex disposti dal Questore della Provincia di Pordenone, Marco Odorisio, per 45 giorni nei confronti del “Bar Marconi” di Pordenone, nell’omonimo viale, per il quale si tratta della seconda chiusura disposta in un anno e, 30 giorni a carico del “Bar Al Cavallino", di via Montello.

In particolare per quanto concerne il “Bar Marconi”, questo era già stato chiuso per 30 giorni l'11 luglio, a seguito di situazioni compromettenti la sicurezza pubblica, l’ordine pubblico e l’incolumità delle persone.

E sempre al “Bar Marconi” nella serata di ieri, domenica 21 luglio, ennesimo grave episodio. Alle 22 circa è giunta alla Sala Operativa la richiesta di intervento per un’aggressione ai danni di una ragazza.

Giunti sul posto, gli agenti della “Volante” identificavano due ragazzine, appena 18enni, una delle quali aveva subito un’aggressione fisica, venendo presa a schiaffi e molestata da una persona palesemente ubriaca.

Gli agenti ricostruivano, quindi, la vicenda accertando come le due amiche 18enni, mentre transitavano lungo i portici che conducono al “Bar Marconi”, giunte all’altezza del pubblico esercizio, notavano all’ingresso del bar un gruppetto di avventori, già in stato di ebbrezza alcolica ed uno di questi importunava le ragazzine con pesanti apprezzamenti e fischi diretti nei loro confronti.

A questo punto, una delle giovani faceva presente all’uomo di smettertela ma questi assumendo un atteggiamento violenti e aggressivo si scagliava contro la ragazzina prendendola a schiaffi.

Viste le vie di fatto, era l’amica a soccorrere la 18enne, mentre gli altri avventori presenti all’ingresso del “Bar Marconi”, nulla facevano per fermare l’aggressione. Gli agenti della “Volante” iniziavano dei giri di perlustrazione al fine di rintracciare l’autore dell’aggressione, mentre la ragazzina si recava presso questo Ufficio Denunce, ove formalizzava una denuncia-querela per le molestie e le violenze subite.

Per quanto concerne il “Bar Al Cavallino”, di via Montello, anche qui nel pomeriggio di sabato 20 luglio, si verificava un grave episodio per la sicurezza delle persone. Infatti, verso le ore 18.30 giungeva la segnalazione di intervento alla locale Sala Operativa per una persona disabile in stato di agitazione.

Sul posto gli agenti della “Volante” venivano avvicinati, da due addetti ai servizi di volontariato, i quali svolgevano assistenza in favore di un signore 64enne, residente in città, in precarie condizioni mentali e fisiche a seguito di problematiche neurologiche.

I due assistenti formalizzavano di aver notato, un’ora prima, il loro assistito in un evidente e palese stato di ubriachezza, all’interno del “Bar Al Cavallino” e preoccupati per probabili conseguenze negative sulla salute dello stesso, invitavano la titolare del bar a non somministrare ulteriori bevande alcoliche, stanti le precarie condizioni fisiche e mentali dello stesso.

Nonostante tali raccomandazioni dei due assistenti, gli stessi dopo circa mezz’ora ritornavano nel “Bar Al Cavallino” trovando l’uomo ancora più malconcio di prima ed alle loro rimostranze, la titolare una cittadina cinese, replicava che gli aveva somministrato bevande per 20 euro e che comunque, era giunto già ubriaco nel suo locale e lei non poteva farci niente. 

Accertate le precarie condizioni dell’uomo i due volontari lo invitavano a fare rientro a casa e il 64enne, deambulando con l’ausilio della sua stampella cadeva a terra rovinosamente. Gli assistenti chiamavano, quindi, il 112NUE che faceva sopraggiungere anche un ambulanza del “118” per le cure del caso.

Resta aggiornato con i Tg di Telefriuli. Puoi farlo seguendo la diretta dal tuo telefonino cliccando il tasto LIVE (alle 7.00, 11.30, 12.30, 12.45, 16.30 e 19.00); dalla tv sintonizzati su canale 11, 511 HD del digitale terrestre. 

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Iscriviti gratis e subito al nostro canale Telegram cliccando qui: https://t.me/telefriuli_it

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori