Auto vendute online ma è una truffa: quattro arresti

Tra le vittime anche due udinesi
Alberto Comisso
loading...

Vendevano automobili online, pretendendo il pagamento anticipato, e, dopo aver incassato i soldi, sparivano.

Almeno 25 le truffe scoperte dai carabinieri di Monza e che hanno interessato anche la provincia di Udine dove, secondo quanto si apprende dall’Arma, le vittime del raggiro sarebbero al momento due.

Quattro persone sono state arrestate nelle province di Monza e Bergamo. Le accuse a vario titolo sono associazione per delinquere, truffa, sostituzione di persona e indebito utilizzo di strumenti di pagamento.

L’ordinanza di custodia cautelare, firmata dal gip di Monza, ha riguardato un 54enne e un 34enne: entrambi sono finiti in carcere. Un 50enne e una 49enne sono stati sottoposti all’obbligo di dimora, mentre altre otto persone sono state denunciate.

I quattro arrestati, secondo le indagini partite dalla denuncia di un uomo che ha pagato l’anticipo per un’auto su una piattaforma online scoprendo poco dopo che il venditore era sparito, hanno messo a segno almeno 25 truffe nelle province di Monza, Vicenza, Torino, Arezzo, Napoli, Lecce, Siena, Padova, Mantova, Prato e appunto Udine, derubando complessivamente oltre 50mila euro.

Per attirare le vittime del raggiro, gli indagati pubblicavano annunci “esca” con foto e dettagli su siti dedicati alla compravendita di auto. I carabinieri hanno individuato un locale con servizio di ristorazione di Agrate Brianza, che era stato scelto come luogo di incontro dai truffatori per concordare le fasi e le modalità dei raggiri e per dividere i soldi.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia