Bendate le statue di Ercole e Caco: la protesta di Extinction Rebellion

Azione simbolica anche a Udine per esortare i governi a guardare in faccia la realtà della crisi climatica
Redazione
loading...

Bendate dagli attivisti di Extinction Rebellion le statue di Ercole e Caco.

Domenica mattina, come avvenuto in molte città d’Italia e d’Europa, anche Udine ha visto i militanti del movimento ambientalista globale raggiungere il cuore del capoluogo friulano per inscenare una protesta pacifica e simbolica che ha coinvolto i due monumenti seicenteschi, conosciuti dagli udinesi anche con i nomi Florean e Venturin.

Attraverso cartelli e slogan, gli attivisti hanno chiesto di affrontare con azioni concrete il cambiamento climatico ed hanno esortato i governi a ‘guardare in faccia’ la realtà della crisi ecoclimatica e a combattere la siccità, la pessima qualità dell’aria e lo sfruttamento indiscriminato delle risorse e del suolo.

“Emergenza in corso, apriamo gli occhi sulla crisi climatica” o “I governi sono immobili, entriamo in azione”. Queste alcune delle frasi che hanno accompagnato l’azione di disobbedienza civile, che ha visto arrivare sul posto gli uomini della Polizia di Stato. Il flash mob ha portato gli stessi attivisti a bendarsi in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine. 

“Dobbiamo ascoltare quello che ci dice la comunità scientifica – ha spiegato un amanifestante – altrimenti vedremo avverarsi le previsioni di un collasso sociale già annunciato”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia