Bomba d’acqua su San Vito: allagate strade e case

Colpite le frazioni di Savorgnano e Gleris
Alberto Comisso
loading...

Strade trasformate in fiumi, case e cantine allegate. La bomba d’acqua, che si è abbattuta questa mattina a San Vito al Tagliamento, ha creato numerosi disagi soprattutto nelle frazioni di Gleris e Savorgnano. Zone che erano state già colpite, due settimane fa, dalla violenta perturbazione che, come oggi, aveva causato decine di allagamenti.

Un copione che si è ripetuto e non sono mancate le polemiche da parte di chi, puntando il dito nei confronti dell’amministrazione comunale, ha evidenziato come le manutenzioni e la pulizia sul territorio siano diventate merce rara.

Ma l’acquazzone che si è abbattuto questa mattina su San Vito al Tagliamento avrebbe mandato in crisi, probabilmente, qualsiasi sistema di raccolta acque. Anche quelli meglio manutenuti.

Super lavoro per vigili del fuoco, volontari della protezione civile e polizia locale. I primi sopralluoghi, richiesti dalla sede regionale della protezione civile di Palmanova e gestiti in loco dalla coordinatrice Francesca Oberperfler, sono iniziati poco prima delle 12. Sono stati aiutati i residenti a sgomberare i locali allagati e portati, laddove era necessario, i sacchi della sabbia.

Via Cordovado, la strada provinciale che da Gleris porta a Morsano, è stata interdetta alla circolazione dei mezzi.

Numerosi gli allagamenti in via del Cristo, della Roggia e in via Agreste dove l’acqua, che in alcuni casi ha raggiunto i 30 centimetri di altezza, ha invaso case e scantinati.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia