Bordano: stagione da record per la casa delle farfalle

Si è chiusa la scorsa domenica la migliore stagione di sempre
Redazione

Nel 2023 ricorrono i 20 anni dall’apertura della Casa delle farfalle di Bordano, una delle maggiori attrazioni turistiche della nostra regione. Ed è stata di gran lunga la migliore stagione di sempre, da ogni punto di vista. Nelle serre sono entrate 48.500 persone: adulti, bambini, anziani, provenienti dal Friuli Venezia Giulia, dal Veneto e da ogni angolo d’Italia, dall’Austria, dalla Slovenia, dalla Germania e da moltissimi altri paesi. Tra questi, ci sono stati più di 7.000 ragazze e ragazzi provenienti da centinaia di scuole, e abbiamo erogato più di 500 tra laboratori e visite guidate. Ma lo stesso, se non di più, vale anche per le attività collaterali: lo shop – che sempre di più propone produzioni proprie, tra cui la Guida alle case delle farfalle, che è stata tradotta e che si sta vendendo in tutto il mondo – ha prodotto il 40% più dello scorso anno e circa il doppio di quanto incassava dieci anni fa, quando è iniziata l’attuale gestione. 
La ristorazione può essere invece un vero e proprio caso di studio. I chioschi hanno fatturato nel 2023 il 20% più dello scorso anno, ma più del 400% rispetto a 10 anni fa, con la creazione di un vero e proprio modello di proposta della gastronomia locale: piatti della tradizione, valorizzati da ingredienti tutti di alto livello e dalle loro “storie” raccontate direttamente da chi i piatti li sta preparando e servendo. 
Non è allora un caso che tra gli importanti lavori di ampliamento che, con il supporto della Regione, stanno interessando la Casa delle farfalle durante questo autunno-inverno, un posto di rilievo lo abbia la costruzione e l’allestimento di una nuova cucina e un bar. Il turismo, in generale ma soprattutto in Italia, non può prescindere dalla ristorazione. Qualunque sia l’attività proposta, gli ospiti mangiano (si rilassano e mangiano, fanno sport e mangiano, visitano i musei e mangiano). Quando poi il cibo viene proposto per quello che è, vale a dire parte fondamentale della cultura di un luogo, allora diventa un asset irrinunciabile.
Il direttore, Stefano Dal Secco, è stanco ma felice: «Quest’anno è stato davvero un turbinio di persone e di cose. Tutto è stato “da record”. Oltre ai numeri complessivi, è successo anche tutto quanto si è fatto. La Casa delle farfalle, ad esempio, sta diventando un centro in cui si fa ricerca in maniera continuativa, insieme alle Università di Udine e di Trieste. Quest’anno, tre tesi, di diverse facoltà, hanno riguardato progetti portati avanti qui da noi, e per il prossimo anno ce ne sono in cantiere almeno altrettante. Abbiamo ospitato una quantità di tirocini e stage. Sempre a proposito di giovani, stanno esplodendo anche le attività di volontariato internazionale che ospitiamo qui a Bordano: oltre ai progetti Erasmus di lungo termine (4 ragazze e ragazzi ogni anno, sia per quanto riguarda progetti su animali e piante che di comunicazione e marketing nel turismo sostenibile) abbiamo chiuso il primo progetto di volontariato di gruppo con 15 partecipanti italiani ed europei che, per due mesi, hanno fatto attività anche con molte associazioni locali, oltre che con noi; un progetto quindi di tutto il paese, non solo della Casa delle farfalle». 
E continua ancora Dal Secco: «Abbiamo dato il via a PolliNation, che più che un progetto è un insieme di tante cose: mostre, eventi, produzione, progetti, pubblicazioni, moduli educativi, centrati sull’impollinazione, la flora e fauna autoctona e lo sviluppo di progetti sostenibili per il verde urbano. Un altro progetto ancora, iniziato quest’anno e che continuerà a svilupparsi nelle prossime stagioni, è stato Eco&Notes, fatto insieme alla cooperativa Slou e la Comunità di Montagna e l’Ecomuseo della Val del Lago, che prevede la creazione e la proposta di piccoli festival ed eventi in contesti naturali e inusuali, mescolando musica e natura». 
Dal Secco conclude «Adesso ci meritiamo una pausa, ma piccola piccola, perché il tempo è sempre poco: più si cresce più è importante fare bene e comunicare meglio. Ringraziamo davvero tutte e tutti quelli che sono venuti a trovarci quest’anno. Abbiamo un mucchio di cose in cantiere, per offrirvi esperienze sempre nuove, per emozionarvi e stupirvi».

La Casa delle farfalle è chiusa per i lavori di manutenzione e ampliamento e riaprirà ai visitatori il 16 marzo 2024.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia