Cannavaro! Cannavaro! Il Pallone d’Oro 2006 a Udine per la firma sul nuovo contratto

Conclusa l'esperienza di Cioffi sulla panchina dell'Udinese
Marco Pasquariello
loading...

Così si chiude il secondo capitolo Cioffi sulla panchina dell’Udinese, ventitre partite per ventidue punti, quattro vittorie, dieci pareggi e nove sconfitte. L’ultima la più sanguinosa, la più terribile e l’unica che probabilmente non doveva arrivare, quella contro il Verona nello scontro salvezza. Uno scontro perso, che ha scosso l’intero sistema Udinese. Dai tifosi, in millecinquecento a Verona e poi in molti a protestare, nel cuore della notte, all’arrivo del pullman della squadra, fino alla società.

Il direttore tecnico Balzaretti, nella pancia del Bentegodi, ai media nazionali rassicurava, “Cioffi non è in discussione”, ed è stato proprio lui a parlare con i tifosi fuori dalla corriera alle tre di notte. Le discussioni c’erano eccome, che prima si trasformano in riflessioni e poi in fatti: Cioffi addio, al suo posto Fabio Cannavaro. E’ il campione del mondo 2006, che in Italia ha allenato solo il Benevento in Serie B per diciassette partite, il sostituto scelto dalla società, dopo il diniego di Edy Reja. L’ufficialità di Cannavaro arriverà solo dopo la firma sul contratto, quando verranno fissate durata e staff tecnico. In cui però già c’è una certezza, quella di Giampiero Pinzi, tredici anni all’Udinese da giocatore. Sulla panchina è stato già vice allenatore, sia all’Udinese che al Verona, in entrambi i casi dell’ora ufficialmente ex allenatore bianconero Gabriele Cioffi.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia