Dalla Regione 2 milioni per le ciclovie e 250mila euro per lo sport dei disabili

Gli stanziamenti sono stati decisi oggi dalla Giunta Fedriga.
Redazione
loading...

Servizio video di Hubert Londero

Due milioni di euro per la sicurezza delle ciclovie della regione e un bando da 250mila euro a sostegno dell’attività sportiva delle persone con disabilità. Gli stanziamenti sono stati decisi oggi dalla Giunta Fedriga.

CICLOVIE:

“Garantire alle piste ciclabili del Friuli Venezia Giulia sicurezza e comfort: sono gli obiettivi della delibera approvata oggi per un impegno che sfiora i 2 milioni di euro”. Così l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Cristina Amirante ha sintetizzato il provvedimento assunto dall’Esecutivo regionale che si articola in tre interventi. In primo luogo Friuli Venezia Giulia Strade spa viene incaricata di un progetto di fattibilità per lavori di manutenzione straordinaria e rifacimento e potenziamento degli impianti di illuminazione nelle gallerie e messa in sicurezza dei tratti di pista ciclabile sul tronco Moggio Udinese-Venzone della ciclovia FVG1 Alpe Adria. “Si tratta di lavori molto attesi, come anticipatomi in un incontro dal presidente della comunità montana Canal del Ferro Val Canale Fuccaro, atti a garantire la sicurezza e il miglioramento della attrattività della ciclovia Alpe Adria”, ha rilevato Amirante. A disposizione ci sono 1,2 milioni di euro. Nella stessa delibera vengono previsti, sulla FVG2, la sostituzione dei sistemi di protezione tra la via Grado e via Saba, in Comune di Grado (400mila euro) e, su FVG 1 E FVG 2, interventi di riqualificazione delle sovrastrutture ciclabili da realizzarsi su una molteplicità di tratti (oltre 331mila euro). “Operiamo su sistemi di illuminazione, messa in sicurezza, pavimentazione e lavori agli intonaci delle gallerie – ha spiegato in conclusione l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio – per garantire una mobilità ottimale in bici non solo ai nostri cittadini ma anche ai molti turisti che sempre più spesso usano le due ruote per scoprire i territori del Friuli Venezia Giulia”.

DISABILI

“La Regione Friuli Venezia Giulia può essere all’avanguardia per favorire la pratica sportiva delle persone disabili e degli atleti paralimpici; in coerenza con questa filosofia oggi abbiamo approvato il bando per la concessione di contributi per l’attività sportiva svolta a favore delle persone con disabilità dai sodalizi sportivi del nostro territorio. Si tratta di un primo stanziamento di 250mila euro che consentirà di concedere un contributo massimo per ciascun beneficiario fino all’80% della spesa ammissibile”. Lo ha comunicato il vicepresidente con delega a Cultura e Sport, Mario Anzil, dopo la seduta odierna della Giunta regionale che ha approvato il bando 2023 per la concessione dei contributi per il sostegno dell’attività sportiva delle persone con disabilità. La richiesta potrà essere inviata a partire dalle 9 del 14 giugno e fino alle 16 del 14 luglio prossimo.

La compilazione e l’inoltro andranno effettuati esclusivamente attraverso il sistema informatico Istanze On Line presente sul sito istituzionale della Regione www.regione.fvg.it, nella sezione dedicata allo sport. Il bando stabilisce i criteri e le modalità per la concessione ed erogazione dei contributi per l’attività sportiva svolta a favore delle persone con disabilità dalle associazioni e società sportive, senza fini di lucro, affiliate a Federazioni sportive paralimpiche e a discipline sportive paralimpiche iscritte nel registro del Comitato olimpico nazionale italiano (Coni) e/o del Comitato italiano paralimpico (Cip), con sede operativa in Friuli Venezia Giulia e costituite da almeno due anni alla data di presentazione della domanda. Vengono confermati i criteri di valutazione e di attribuzione dei punteggio applicati nell’anno 2022; confermato, tra gli altri, l’indicatore relativo alla presenza all’interno delle società di atleti con disabilità di interesse nazionale.

L’importo del contributo concedibile è compreso tra 5mila e 20mila euro con l’assegnazione di una quota fissa a tutti i soggetti risultati ammissibili. L’eventuale quota rimanente è assegnata ai soggetti che ottengono un punteggio pari o superiore a 5 punti. Il limite massimo di contributo concedibile per ciascun beneficiario non può superare l’80 per cento della spesa ammissibile di cui alla domanda. Gli interventi sono finanziati fino ad esaurimento delle risorse. Fra le voci ammissibili a contributo rientrano i costi relativi al trasferimento, al vitto e al pernottamento in strutture ricettive non di lusso, per atleti, tecnici, arbitri, cronometristi, dirigenti e collaboratori per l’organizzazione di manifestazioni sportive a favore delle persone con disabilità o disagio; compensi per arbitri, tecnici, cronometristi e collaboratori in questi casi sono ammesse solo le spese comprovate da buste paga, note di pagamento, parcelle; rimborsi chilometrici per dirigenti, accompagnatori, e staff per tutti gli spostamenti, anche non legati a gare o manifestazioni sportive, per un importo massimo annuo pari ad euro mille euro; noleggio di mezzi di trasporto per atleti ed accompagnatori e noleggio di attrezzature utilizzate per la realizzazione dell’attività; stampa di inviti e locandine per la pubblicizzazione dell’attività sportiva svolta; spese per assistenza sanitaria e spese mediche strettamente inerenti l’attività sportiva svolta e per coperture assicurative e per tasse versate alle federazioni e alle organizzazioni sportive; spese generali di funzionamento ammissibili a rendicontazione, nel limite del 70 per cento del contributo concesso: in particolare, spese per la fornitura di energia elettrica, gas e acqua e per servizi di pulizia, spese di ordinaria manutenzione delle sedi, degli impianti di riscaldamento e di climatizzazione, spese relative a interessi passivi per anticipazioni o fidi.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia