Cisint: “Ai musulmani dato molto, siano loro ora a fare un passo verso di noi”

Il sindaco della città dei cantieri sottolinea i risultati ottenuti nel corso del 2023 e sul tema del rapporto con gli islamici della città dice: "Abbiamo dato loro molto in questi anni"
Matteo Femia
loading...

“Abbiamo dato molto alla comunità musulmana in questi anni, ora ci aspettiamo che faccia un passo verso le nostre richieste e i nostri valori”. A dirlo è stato il sindaco di Monfalcone Anna Cisint durante la conferenza di bilancio del 2023: “La chiusura della centrale a carbone – ha aggiunto – è stato il risultato di cui vado più orgogliosa”.

L’ipotesi candidatura alle Europee, i punti fermi messi nel rapporto con la comunità musulmana, e soprattutto i risultati alla guida del Comune di Monfalcone nel 2023. E’ stata una Anna Cisint che ha spaziato su tutti questi temi nella conferenza stampa di fine anno, nella quale ha snocciolato diversi dati, a partire dagli oltre 47 milioni di euro ricevuti come finanziamenti per vari interventi sul territorio. Ma ciò che rende più orgogliosa la sindaca nell’anno che va a concludersi è un risultato sul fronte ambientale.

E mentre sul tema-Europee confessa come ci sia quello che definisce “un tentativo che mi lusinga da parte di alcuni soggetti che mi propongono contributi ad alti livelli, ma fare il sindaco mi piace tanto per l’affetto che ricevo”, Cisint sul rapporto con la comunità musulmana cittadina sottolinea come in questi anni la sua amministrazione abbia dato, e si aspetti ora un passo di avvicinamento dalla controparte.

Cisint infine ha toccato anche il tema della presenza della bandiera di Israele sul municipio dopo gli attentati del 7 ottobre: “E’ un messaggio contro il terrorismo e contro quanto compiuto da Hamas quel giorno – ha evidenziato – io spero nella valorizzazione di entrambi i popoli coinvolti nel conflitto: nessuno ce l’ha contro con la Palestina, siamo – ha concluso – per un bene primario per tutti come la pace”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia