Cisl, allarme sul personale della sanità: subito un tavolo e piani pluriennali

La Cisl lancia l’allarme sulla situazione del personale della sanità: il privato non è la risposta e per questo chiediamo un tavolo di confronto.
Andrea Pierini
loading...

Un piano pluriennale di assunzioni per garantire il personale al sistema sanitario regionale altrimenti destinato al declino. La Cisl Funzione pubblica lancia l’allarme sul tema del personale in ambito sanitario a partire dagli infermieri il cui recente concorso non è andato bene a livello di partecipazione. I problemi sono ormai noti: blocco delle assunzioni, tetto di spesa, pareggio di bilancio, mancate o ipotetiche riorganizzazioni e accorpamenti di servizi solo per citarne alcuni. Il 30% del personale inoltre ha inidoneità gravi e nei prossimi anni i pensionamenti e i licenziamenti volontari graveranno in modo sempre più impattante. A questo si aggiunge la bassa adesione ai corsi di laurea infermieristici che non lasciano presagire nulla di buono per questo bisogna agire immediatamente e la soluzione non può essere l’esternalizzazione al privato che di fatto non riesce a farsi carico dell’attività del pubblico se non marginalmente. Da qua la richiesta della Cisl di aprire un tavolo regionale di confronto per valutare i fabbisogni del personale calcolando non solo le teste ma anche la attività per le quali non si trovano professionisti qualificati.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia