Civibank in assemblea, trenta milioni di euro per le imprese del Nordest

Alberto Comisso
loading...

Prima assemblea degli azionisti di CiviBank dopo l’ingresso nel Gruppo Sparkasse, che conta più di 300mila clienti e 169 filiali, primo operatore creditizio indipendente con sede nel Nordest, alle spalle dei quattro principali gruppi bancari nazionali.

L’assemblea, alla quale sono intervenuti soci in rappresentanza dei 7515 azionisti di CiviBank, primo dei quali è appunto Sparkasse/Cassa di Risparmio di Bolzano con il 79,1% del capitale sociale – ha approvato il Bilancio 2022, nominato i tre amministratori cooptati, il nuovo Collegio Sindacale e il suo Presidente per gli esercizi 2023/2025. Sono state infine approvate le Politiche di Remunerazione.

In particolare, l’assemblea – presieduta da Alberta Gervasio – ha deliberato di nominare Gerhard Brandstätter, Carlo Costa e Nicola Calabrò – rispettivamente Presidente, Vicepresidente ed Amministratore Delegato di Sparkasse – alla carica di Consiglieri di Amministrazione, il cui mandato scadrà insieme a quello degli altri Amministratori in carica e, dunque, con l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2024.

Sindaci effettivi sono stati nominati Massimo Biasin (Presidente), Claudia Longi, Ilario Modolo; sindaci supplenti Laura Galleran e Christian Pillon.

È quindi definitivamente composto il nuovo assetto di vertice di CiviBank che vede Presidente del Consiglio di Amministrazione Alberta Gervasio, Vicepresidenti Guglielmo Pelizzo e Aldo Bulgarelli, consiglieri Lidia Glavina, Antonio Marano, Andrea Stedile, oltre a Gerhard Brandstätter, Carlo Costa e Nicola Calabrò.

A margine dell’Assemblea Civibank ha inoltre comunicato – attraverso il suo Direttore Generale Mario Crosta – la messa a disposizione delle imprese del Nordest di un plafond di 30 milioni di euro, per sostenere le spese legate a fattori produttivi e di funzionamento. La volontà è quella di sostenere il tessuto produttivo non solo nell’ordinario funzionamento, ma anche nell’ammodernamento delle strutture.

I finanziamenti a tasso fisso ed agevolato, che partono da un minimo di 20.000 euro fino a un massimo di 500.000, potranno essere richiesti per il pagamento di spese di funzionamento quali imposte, tasse e oneri contributivi, anche scorte stagionali, attrezzature e manutenzioni ordinarie e straordinarie.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia