Tornano i grandi concerti allo Stadio Friuli: Zucchero il primo nome

Il primo concerto si terrà il 23 giugno 2024. A distanza di dodici anni, il più importante impianto sportivo della regione ospiterà grandi eventi
Redazione
loading...

Servizio video di Isabella Gregoratto.

Era il 13 maggio 2012 quando l’allora Stadio Friuli ospitava i Metallica, band heavy metal planetaria, che a Udine portarono l’unica data italiana del tour celebrativo del monumentale “Black Album”. Ora, a distanza di dodici anni, il più importante impianto sportivo del Friuli Venezia Giulia, e fra i più moderni e all’avanguardia di tutta Italia, torna a essere venue ideale per ospitare grandi eventi musicali grazie alla sinergia fra Zenit Srl, Comune di Udine e Udinese Calcio, che hanno lavorato e lavoreranno congiuntamente per ridare alla città, e alla Regione tutta, l’opportunità di ospitare concerti di respiro internazionale. Artista italiano, conosciuto e amato in tutto il pianeta, bluesman che il mondo ci invidia, sarà Zucchero “Sugar” Fornaciari a scatenare il pubblico per il grande live in programma domenica 23 giugno 2024 (inizio ore 21.30), unico concerto italiano nel Nordest del nuovissimo tour negli stadi dell’artista, dal titolo “Overdose d’Amore World Tour”. I biglietti per il concerto di Zucchero al Bluenergy Stadium – Stadio Friuli, organizzato da Zenit Srl e Friends and Partners, in collaborazione con Comune di UdineRegione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG e Udinese Calcio, sono già in vendita sul circuito Ticketone. Gli organizzatori diffidano dall’acquisto dei biglietti tramite circuiti che non siano quelli ufficiali. Info, prezzi e punti autorizzati su www.azalea.it . Radio Italia è la radio ufficiale delle date italiane dell’“Overdose D’Amore World Tour”.

“Dopo anni di attesa, i grandi concerti fanno finalmente il loro ritorno allo Stadio Friuli. Zucchero, un’indiscussa icona della musica italiana e internazionale, ha toccato il cuore di milioni di persone in tutto il mondo con la sua musica straordinaria. L’opportunità di vederlo esibirsi nel nostro stadio è un privilegio per la città e i suoi abitanti. Lo Stadio Friuli, già uno dei gioielli d’Italia, si trasformerà in uno splendido palcoscenico grazie alla magia della musica dal vivo. Questo non solo darà vita a un’esperienza straordinaria per gli spettatori, ma creerà anche un’attrattiva turistica di prim’ordine per Udine e per l’intero territorio circostante. Questo rappresenta solo il primo passo, realizzato in poco più di 6 mesi dalla nostra elezione, ma stiamo continuando a lavorare per riportare in città in modo continuativo eventi di risonanza nazionale ed internazionale.” Ha commentato il Vice Sindaco e Assessore alle Attività produttive, Commercio, Turismo, Grandi eventi Alessandro Venanzi.

Dopo aver incantato oltre 1 milione di spettatori con il suo ultimo tour in Italia e in tutto il mondo e con i due straordinari concerti alla RCF Arena (Campovolo) di Reggio Emilia di fronte a 60 mila spettatori, Zucchero “Sugar” Fornaciari” si prepara a tornare nel 2024 con tutta la sua energia e la sua straordinaria band negli stadi italiani con “Overdose D’Amore World Tour“. Dopo le date di Bologna (27 giugno allo Stadio Dall’Ara), di Messina (30 giugno allo Stadio Franco Scoglio) e di Milano (4 luglio allo Stadio San Siro) ecco quindi aggiungersi un nuovo imperdibile appuntamento, l’unico nel Nordest, il prossimo 23 giugno al Bluenergy Stadium – Stadio Friuli di Udine. L’”Overdose d’Amore World Tour” sarà uno spettacolo straordinario che regalerà al pubblico grande musica e forti emozioni, con una scaletta che ripercorrerà l’incredibile carriera del bluesman attraverso tutti i suoi grandi successi, che gli hanno permesso di vendere oltre 60 milioni di dischi nel mondo. Il tour si aprirà con 3 date alla Royal Albert Hall di Londra il 30 marzo, il 31 marzo e l’1 aprile 2024 per poi proseguire in Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania, Islanda, Bulgaria e altri paesi in via di definizione, fino a toccare l’Italia per i quattro imperdibili eventi negli stadi italiani

Zucchero è stato nei giorni scorsi protagonista anche nei cinema italiani con il film documentario “ZUCCHERO – Sugar Fornaciari”, di Valentina Zanella e Giangiacomo De Stefano. Presentato in anteprima alla 18ª edizione della Festa del Cinema di Roma, la pellicola racconta questo straordinario artista attraverso le sue parole e quelle di colleghi e amici come Bono, Sting, Brian May, Paul Young, Andrea Bocelli, Salmo, Francesco Guccini, Francesco De Gregori, Roberto Baggio, Jack Savoretti, Don Was, Randy Jackson e Corrado Rustici. Un viaggio dell’anima che, grazie a immagini provenienti dagli archivi privati di Zucchero e dal “World Wild Tour”, il suo ultimo e trionfale tour mondiale, va oltre il ritratto di un musicista di successo arrivando fin dentro i dubbi e le fragilità dell’uomo. È online il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=qFJFPY_kTQc. Lo scorso mercoledì 25 ottobre Zucchero ha ricevuto la Cittadinanza Onoraria di Reggio Emilia «per l’alto contributo offerto alla musica italiana, per il profondo legame con il territorio reggiano che risuona in molti testi delle sue canzoni, toccando le vette di un indiscusso successo nazionale e internazionale».

Tra i maggiori interpreti del rock blues in Italia, Zucchero (all’anagrafe Adelmo Fornaciari) nella sua carriera ha venduto oltre 60 milioni di dischi, di cui 8 milioni con l’album “Oro, incenso & birra”. Oltre a essere il primo artista occidentale a essersi esibito al Cremlino dopo la caduta del muro di Berlino, Zucchero è anche l’unico artista italiano ad aver partecipato al Festival di Woodstock nel 1994, a tutti gli eventi del 46664 per Nelson Mandela di cui è Ambasciatore e al Freddie Mercury Tribute nel 1992. Sempre nel 1992 Zucchero e Luciano Pavarotti condividono l’ideazione del gala di beneficenza Pavarotti & Friends. La prima edizione, trasmessa in diretta mondiale, dà il via a una serie di concerti di beneficenza annuali che sono continuati fino al 2003. Nel 1999 partecipa al Festival di IMST in Austria esibendosi davanti a 200.000 persone, dopo Bryan Adams e prima dei Rolling Stones. Sempre lo stesso anno viene invitato da Bono degli U2 a suonare al Gala di beneficenza Net Aid a New York trasmesso in tutto il mondo. Zucchero partecipa anche a due edizioni del Rainforest Fund (1997 e 2019), il concerto benefico organizzato da Sting insieme alla moglie Trudie Styler per proteggere le foreste pluviali nel mondo e difendere i diritti umani delle popolazioni indigene che vi abitano. Nel corso della sua carriera ha suonato in 5 continenti, 69 Stati, 650 città toccando destinazioni uniche come Oman, Mauritius, Thaiti, New CaledoniaArmenia, Nuova Zelanda e molte altre. Nel 2004 si è esibito alla Royal Albert Hall con un evento memorabile in cui ha ospitato sul palco colleghi di grande fama internazionale, tra cui Luciano Pavarotti, Eric Clapton, Brian May, Solomon Burke e Dolores O’Riordan. Il concerto è stato poi pubblicato in versione DVD con il titolo “Live At The Royal Albert Hall”. Nel 2007 è stato nominato ai Grammy, con Billy Preston ed Eric Clapton come Best R&B Traditional Vocal Collaboration. Il suo concerto nel dicembre 2012 all’Istituto Superiore di Arte di L’Avana con oltre 80.000persone è stato definito il più grande live mai tenuto da un cantante straniero a Cuba sotto embargo. Con oltre 65.000 persone presenti, a luglio 2018 si è esibito ad Hyde Park, in occasione del British Summer Time di Londra, accanto ad artisti internazionali del calibro di Eric Clapton, Santana, Steve Winwood.  Zucchero, nel corso del 2020, insieme alle più grandi star internazionali ha partecipato al live streaming mondiale “One world: together at home” (a sostegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nella lotta al Covid-19), si è fatto portavoce di un messaggio universale in occasione del 50° anniversario della Giornata Mondiale della Terra suonando davanti ad un Colosseo deserto l’inedito “Canta la vita”, tratto da “Let Your Love Be Known” di Bono, con il testo in italiano a firma di Zucchero e in featuring con Bono. E, ancora, ha inviato un messaggio di speranza, che ha fatto il giro del mondo, eseguendo in una magica e desolata Piazza San Marco a Venezia il brano “Amore adesso!”, adattamento della canzone “No Time For Love Like Now” di Michael Stipe e Aaron Dessner, con testo in italiano a firma di Zucchero. Inoltre, ha pubblicato l’emozionante duetto “September” insieme a Sting, brano inserito nell’album di Zucchero “D.O.C. Deluxe” (doppio CD contenente tutte le canzoni di “D.O.C” e 6 nuovi brani) e in quello di Sting, “Duets”. A novembre 2021 esce “Discover”, il primo progetto di cover di Zucchero che vanta le collaborazioni con Bono, Elisa e Mahmood e il duetto virtuale con Fabrizio De André. 

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia