Concerto-flashmob in piazza San Giacomo all’insegna della solidarietà

Un musicista che, in mezzo al salotto cittadino nell'ora di punta dello shopping natalizio, fa risuonare le note dal suo contrabbasso. Fin qui non ci sarebbe nulla di strano, ma ecco che, man mano, da...
Redazione

Un musicista che, in mezzo al salotto cittadino nell’ora di punta dello shopping natalizio, fa risuonare le note dal suo contrabbasso. Fin qui non ci sarebbe nulla di strano, ma ecco che, man mano, da alcuni negozi di piazza San Giacomo, escono altri musicisti che si uniscono al “solista” e tutti insieme danno vita a un’orchestra impegnata in musiche tradizionali natalizie catturando l’attenzione del pubblico.

È stata davvero una sorpresa quella che gli udinesi si sono trovati davanti stasera, 17 dicembre, nel cuore del centro cittadino. Un vero e proprio concerto-flashmob che SimulArte ha voluto regalare alla città durante le festività natalizie con il sostegno del Comune di Udine. A far risuonare le musiche nella centralissima piazza, prima le note di Marzio Tomada al contrabbasso e poi, pian piano, il quartetto d’archi dell’Orchestra Giovanile Filarmonici Friulani a cui si è aggiunto un secondo gruppo di musicisti, il Max Rapace Brass Factory, avvicinatosi, sempre a sorpresa, dagli scorci del centro storico dando così vita a un unico grande ensemble musicale.

L’appuntamento è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra SimulArte, Orchestra Giovanile Filarmonici Friulani e UdineIdea associazione che riunisce i commercianti del centro commerciale naturale cittadino. Un “happening” musicale che rappresenta il secondo evento del programma di Nadâl 3.0, il calendario musicale offerto al capoluogo friulano in questi ultimi giorni dell’anno all’insegna della partecipazione, socialità, tradizione e solidarietà.

La solidarietà e le 3 “chiamate all’azione”

I musicisti, in collaborazione con UdineIdea, sono “sbucati fuori” da alcuni negozi di piazza Matteotti, nello specifico da Ahmodo Lombarda, Caffè Al Portello, Querini lei, Lu/Lù, Paul Taylor, Pugnale e Caffè Hausbrandt. L’intero flashmob è stato ripreso e il video clip sarà diffuso e promosso online da SimulArte e da tutti i partner del progetto Nadâl 3.0 come un’ulteriore occasione di visibilità per il capoluogo friulano e per tre “chiamate all’azione”.

Non solo musica, infatti, perché durante il concerto sono stati donati a tutti i passanti dei rametti di vischio benaugurali e delle cartoline contenenti le 3 “chiamate all’azione” degli organizzatori, ovvero valorizzare l’economia di prossimità acquistando e vivendo il centro storico, scoprire le eccellenze del patrimonio culturale e artistico udinese grazie alla convenzione triennale tra SimulArte e PromoTurismoFvg per l’acquisto della Fvg Card a un prezzo scontato e, non da ultimo, promuovere una donazione a scopo benefico per favorire l’inclusione sociale. Nello specifico, destinataria delle donazioni, sarà la Cooperativa Sociale Hattiva Lab Onlus con sede a Paderno (Udine) in via Porzus che si occupa di servizi socio- educativi e assistenziali nell’area delle disabilità e dei minori con disturbi e difficoltà di apprendimento.

Nadâl 3.0 è un progetto di SimulArte con il contributo del Comune di Udine e con la partecipazione di HattivaLab, UdineIdea, PromoturismoFvg, Cas*Aupa, Officine Giovani e Orchestra Giovanile Filarmonici Friulani.

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia