Home / News / Confartigianato Udine, inaugurata a Cividale la mostra 'Le città invisibili'

Confartigianato Udine, inaugurata a Cividale la mostra 'Le città invisibili'

In mostra le opere di 34 botteghe dell’artigianato artistico Fvg

Da una città romana a un’altra. L’itinerario della mostra regionale sull’artigianato artistico si sposta all’interno dei confini del Friuli e dopo le tappe dell’anno scorso ad  Aquileia e Gorizia, quest’anno ha scelto Cividale del Friuli, all’interno della chiesa di Santa Maria dei Battuti, dov’è l'esposizione è stata inaugurata lo scorso giovedì. “Le città invisibili”, questo il titolo della mostra, che conta su ben 34 opere di altrettante botteghe artigiane della regione, sarà visitabile fino al prossimo 17 luglio, ogni venerdì (dalle 17 alle 20), sabato e domenica (dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20).
“Questa Mostra arriva dopo due anni di pandemia, in un 2022 che ha visto l’esplosione del terribile e divisivo conflitto in Ucraina. In questo sofferente scenario internazionale – ha detto al taglio del nastro la capogruppo dell’artigianato artistico di Confartigianato Udine e Fvg, Eva Seminara -, la nostra mostra si fa testimone di un messaggio diametralmente opposto: celebra l’unità, pur esaltando le differenze, la diversità delle lavorazioni, l’unicità dell’artigianato”.

Le fa eco il presidente di Confartigianato Udine e Fvg, Graziano Tilatti: "La categoria dell'Artigianato Artistico ci dà un messaggio importante, che a volte dimentichiamo. Ricordare a tutti quanto l'unione riesce ad essere vera forza per far vivere l'artigianato e far vivere le nostre realtà associative”.
Come suggerisce il titolo, l’esposizione – curata da Elena Agosti - è ispirata a uno dei capolavori di Italo Calvino, “Le città invisibili”, opera che il gruppo Fvg dell’artigianato artistico ha voluto omaggiare a 50 anni dalla sua pubblicazione. Le 34 opere in mostra propongono un’originale riflessione sulla città moderna, sulla sua atemporalità, una critica alla megalopoli in favore dei piccoli borghi. Narrano le città come inestimabili meraviglie, un coacervo di emozioni, sensazioni, profumi e rumori.
“Celebrano queste città che sono emblemi – spiega Agosti -, simboli che ci raccontano emozioni e situazioni. Il Ponte è la chiave di lettura del libro che ci racconta come sono le singole pietre a disegnare l'arco che il ponte rappresenta, l'unione della forza che ci racconta anche il saper fare artigiano”.
Cicerone di questo viaggio è Marco Polo, esploratore veneziano che nel XIII secolo raggiunge l’estremo Oriente e che all’imperatore dei Tartari, il Kublai Khan, narra il suo lungo viaggio, descrivendo i luoghi fisici ma anche quelli immaginari e le emozioni che ognuno di questi luoghi, ogni città, suscita in lui. Singolarmente e complessivamente. Come le opere degli artigiani in mostra. Ognuna può esser vista e apprezzata a sé, ma al contempo nell’insieme dell’esposizione. “Ogni artigiano – continua la curatrice - lavora alla singola opera, sapendo di far parte di un progetto più grande e che il suo esserci è un valore aggiunto per sé e per gli altri e che solo la coralità può mettere in luce il patrimonio culturale e manifatturiero del Friuli Venezia Giulia”.
L’esposizione è promossa da Confartigianato-Imprese Udine, in collaborazione con il Comune di Cividale del Friuli,  le Confartigianato di Gorizia, Pordenone e Trieste, con il sostegno di CATA Artigianato FVG e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
“Ringraziamo Confartigianato per aver arricchito il calendario di eventi e iniziative della Città di Cividale anche con questa splendida esposizione – ha detto al taglio del nastro Angela Zampulla, consigliere delegato alla cultura della città ducale -: Continuiamo ad essere un polo turistico attrattivo grazie alla sinergia tra le associazioni che si impegnano per il territorio”.

Di seguito le aziende presenti in mostra

Ago & Filo Chic – Martignacco, Antracite Gioielli – Gorizia, Arte Bellaminutti – Campoformido, Arte Mirella Canciani – Udine, Arteviva Tessitura a Mano – Udine, Art-Legno di Del Maschio Mario - Budoia, Asperitas di Sandra Olivieri - Gorizia, Atelier di Dagmar Friedrich – Spilimbergo; Bisaro Gianpietro Mosaici - San Giorgio della Richinvelda; Blifase - Corno di Rosazzo; Bottega di Restauro e Decorazione - Tarvisio; Bottoni e non solo – Udine; Comuzzo di Evin Coccolo - Tavagnacco; Dezen Dezen - Trieste; Elena Sartoria – Pordenone, Fabbro Carpenteria Berin – Chiopris Viscone; Falegnameria Avoledo Michele – San Leonardo Valcellina, Fucina Longobarda Mazzola – Udine;  La Torre Laboratorio Orafo - Cividale; Legatoria Moderna di Eva Seminara – Udine, L’oca Bianca ed Altre Storie ® – San Daniele del Friuli,  Moysa di Michela Mazzero – Travesio,  Naka di Tuniz Nicola – Manzano,  Oricalco Laboratorio orafo – Grado, Photolife – Udine, Pirker Incisioni – Tarvisio, Piero De Martin – Codroipo, Renato Chicco Gioielli – Trieste, Sergio Mazzola Generazioni Orafe – Udine; Serimania Romeo Design – Gorizia, Studio Creativo di Comelli Fabio – Nimis, Tipografia Marioni - Udine, Verardo Francesca - Tamai di Brugnera, Wool Style – Udine.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori