Confini, altri sei mesi di controlli

A poco più di un anno di distanza dall’ingresso della Croazia nell’area Schengen tornano le code ai valichi
Andrea Pierini
loading...

Altri sei mesi di passione. Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha sentito al telefono il suo omologo sloveno Bostjan Poklukar per comunicare la decisione di mantenere per ulteriori 180 giorni il presidio sui confini con la Slovenia. A pesare, oltre alla situazione di crisi in medio oriente e il rischio attentati, anche la Presidenza di turno italiana del G7. «Come sempre – ha dichiarato il Ministro Piantedosi – le modalità di controllo saranno attuate in modo tale da causare il minore impatto possibile sulla circolazione transfrontaliera e sul traffico di merci». 
Piantedosi aggiunge inoltre che «abbiamo costruito un modello di cooperazione virtuoso ed é in programma a breve una nuova riunione trilaterale Italia, Croazia, Slovenia». 
Sarà quindi un’estate calda sui confini dopo l’ingresso nell’area Schengen della Croazia il primo gennaio 2023 e l’addio, o almeno la pesante riduzione, dei tempi di attesa per raggiungere le spiagge dell’Istria durante l’estate.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia