Home / News / Diminuiscono i ricoveri in Fvg, contagi crollati nelle case di riposo

Diminuiscono i ricoveri in Fvg, contagi crollati nelle case di riposo

L'immunizzazione resta l’arma più forte contro il virus. Preoccupa le incertezze legate agli arrivi dei vaccini. Oggi il punto in Regione del vicepresidente Riccardi

Un’adesione importante, mancano però certezze sui flussi e sulle dosi che verranno consegnate. Il vaccino è l’arma più importante per combattere l’epidemia da Sars Cov e a testimoniarlo anche i numeri dei contagi presentati durante i lavori della terza commissione consiliare dal vicegovernatore Riccardo Riccardi. Nella lunga e articolata esposizione lo stesso vicepresidente ha evidenziato la necessità di modificare gli indicatori nazionali per i colori con le conseguenti limitazioni. In particolare il nuovo Dpcm dovrebbe dare importanza alla pressione sulle strutture ospedaliere.

Uno dei dati più eloquenti in grado di raccontare l’evoluzione dalla prima alla seconda ondata è negli ingressi nelle aree mediche degli ospedali numeri comunque in calo. Diminuiscono anche i ricoveri nelle terapie intensive seppur in maniera minore rispetto ai ricoveri complessivi. Calano anche le mortalità mentre la fascia 10/20 anni resta tra le più contagiate. Riccardi ha posto l’accento anche sul numero di tamponi, la nostra regione - ha evidenziato - è tra quelle che ne hanno fatte in numero importante a una media di mille al giorno. Dal focus vaccini emerge come il contagio sia crollato tra il personale sanitario e nelle case di riposo proprio a seguite delle inoculazioni a cui hanno aderito con una media del 90% di sanitari e ospiti con numero bassi solamente tra gli operatori socio sanitari. A ieri sera, ha confermato Riccardi, abbiamo somministrato 93 mila dosi, 35 mila hanno completato le due inoculazioni. Sono 11 mila le persone vaccinate degli over 80 delle 63 mila che si sono prenotate. Il rapporto dosi consegnate e somministrate è del 73% per garantire sempre le seconde dosi.

Oggi, oltre alla comunicazione ufficiale del ministero delle Salute del via libera per AstraZeneca anche alla fascia 55 65 anni sono state avviate le prenotazioni per il personale scolastico e alla tarda mattinata già 3.400 avevano fatto richiesta. Nel corso della commissione sono state presentante due petizione sul medico di medicina generale non presente ad Aquileia e della riattivazione del pronto soccorso e della medicina generale dell’ospedale di Cividale. Sul tema della medicina generale Riccardi ha evidenziato essere problematica per via degli accordi nazionali, inoltre il vicepresidente ha aggiunto una riflessione sulla necessità di rivedere i percorsi di formazioni, troppo bassi, per avviare le assunzioni nel sistema sanitario.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati

TOP 5

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori