Da Napoli in Friuli per la truffa del finto avvocato: arrestati

Ecco chi sono e dove sono stati catturati
Paola Treppo

Nel corso della mattinata del 29 ottobre scorso, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Monfalcone hanno fermato un 35enne e un 32enne che, in trasferta da Napoli, avevano appena truffato due anziane a Savignano del Rubicone (Forlì- Cesena) e Russi (Ravenna), con il noto trucco del finto incidente.

Il metodo è sempre lo stesso

Un finto studio legale informa telefonicamente la vittima designata di un incidente in cui sarebbe incappato un parente, chiedendo di consegnare a un sedicente avvocato denaro e oggetti di valore necessari, nello sviluppo della truffa, a pagare una ipotetica cauzione. Sono gli stessi autori della truffa ai danni di una anziana signora di Monfalcone lo scorso 22 ottobre, quando riuscirono a farsi consegnare 3000 euro.

Partendo proprio da questo episodio, dopo una attenta e complessa attività di indagine, grazie alle telecamere puntate sulle strade, i Carabinieri di Monfalcone sono riusciti a individuare l’auto utilizzata dai truffatori e accertarne i movimenti, la provenienza, e infine l’identità.

I duesi erano mossi da Napoli in direzione della riviera romagnola. Era così iniziava un’attività di osservazione e pedinamento che portava a rilevare spostamenti sospetti dei due truffatori il mattino successivo, nelle vie dei comuni di Savignano del Rubicone e Russi dove, mentre uno dei due restava in auto, l’altro veniva visto entrare in un condominio per uscire poco dopo.

Il pedinamento 

Il pedinamento porta a Rimini, dove sono stati fermati e perquisiti; contestualmente i Carabinieri delle Compagnie di Forlì e di Ferrara hanno cercato possibili vittime nei condomini indicati.

Risultava così che a Russi una signora di 86 anni aveva consegnato al sedicente avvocato 400 euro e due orologi, mentre a Savignano sul Rubicone una signora 90enne aveva consegnato 2000 euro: cifre e oggetti esattamente corrispondenti a quanto rinvenuto nel corso della perquisizione.

Uno dei due, inoltre, aveva con sé un documento con false generalità. Tratti in arresto per questi episodi, i due sono indagati anche per la truffa a Monfalcone; sono tuttora in corso accertamenti per verificare se e dove i due, in concorso col loro complice centralinista, abbiano effettuato analoghi reati.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia