«Da Telefriuli servizio pubblico. Rafforza la specialità della nostra regione»

"Con la sua striscia informativa quotidiana in lingua friulana, Telefriuli fa un servizio ai cittadini e nello stesso tempo rafforza la specialità della nostra regione". Lo ha detto Piero Mauro...
Redazione

“Con la sua striscia informativa quotidiana in lingua friulana, Telefriuli fa un servizio ai cittadini e nello stesso tempo rafforza la specialità della nostra regione”. Lo ha detto Piero Mauro Zanin, il presidente del Consiglio regionale, intervenendo in diretta alla trasmissione dedicata alla presentazione del nuovo palinsesto dell’emittente privata, tra le più seguite in Friuli Venezia Giulia.

La difesa dell’autonomia – ha ribadito il presidente – passa dalla difesa della lingua, ed è fondamentale la scelta di raccontare i fatti del giorno in friulano. Solo così, legandola all’attualità, la lingua può restare viva”. “Assieme ad altri amici – ha proseguito Zanin – mi sto battendo affinché anche il servizio pubblico televisivo faccia informazione in friulano. Per il momento abbiamo portato a casa le prime 30 ore televisive di friulano in Rai, ma di certo Telefriuli è già molto più avanti, e di questo vi ringrazio a nome di tutto il Consiglio regionale“.

L’emittente che ha sede a Tavagnacco infatti – come ha ricordato oggi la sua direttrice, Alessandra Salvatori – con la striscia quotidiana Gnovis dal lunedì al venerdì, le trasmissioni dedicate a bambini e ragazzi e la rubrica religiosa dedica una media di 9-10 ore alla settimana ai programmi in lingua friulana. E di questa scelta di campo si è parlato in trasmissione con numerosi rappresentanti di istituzioni, enti e associazioni che hanno sposato questo progetto editoriale.

Zanin ha voluto ringraziare l’emittente anche per “il grande lavoro svolto nei mesi più duri della pandemia, quando tante persone erano costrette a casa e hanno potuto capire quel che stava succedendo, vedere il mondo reale attraverso lo schermo televisivo. Così avete fatto sentire meno soli i nostri cittadini, svolgendo un servizio pubblico anche se siete un’emittente privata“.

“Sono certo che la nuova stagione – ha concluso il presidente del Consiglio regionale – ripercorrerà i successi di quelle passate perché Telefriuli è fortemente radicata nel territorio, uno strumento di coesione sociale che offre informazione, cultura, svago ed è diventata da molti anni un compagno affidabile per tantissime famiglie”.

Ricette, risate e news anche in friulano, Telefriuli svela il nuovo palinsesto

Bordin: «Da oltre 40 anni Telefriuli protagonista nell’affrontare i cambiamenti sul mondo»

Zilli: «Dal 1978 Telefriuli è la televisione di riferimento dei friulani»

La diretta:

 

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia