«Dal 1978 Telefriuli è la televisione di riferimento dei friulani»

"Come disse Indro Montanelli: 'Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore'. Sarà infatti il lettore, o come in questo caso il telespetta...
Redazione

“Come disse Indro Montanelli: ‘Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore’. Sarà infatti il lettore, o come in questo caso il telespettatore, a ripagare con il proprio consenso il lavoro del giornalista, l’impegno e la dedizione di chi vuole fare informazione in modo giusto, onesto e con passione”. Lo afferma l’assessore alle Finanze, Barbara Zilli, che oggi pomeriggio parteciperà alla presentazione del nuovo palinsesto di Telefriuli.

“Dal 1978 Telefriuli è la televisione di riferimento dei friulani – sottolinea Zilli -. Una longevità che conferma sia quanto Montanelli avesse ragione sia la qualità del lavoro che l’emittente e suoi giornalisti hanno fatto in questi anni”.

“Hanno saputo mantenere salde, infatti, le proprie radici non dimenticando la storia e le tradizioni della nostra terra, ma riuscendo nel tempo a innovarsi, cambiando non solo le scenografie ma anche il linguaggio e i contenuti delle trasmissioni, ricordando sempre – aggiunge l’assessore – che con i loro gesti, le loro parole e i loro visi entrano nelle case di tutti noi”.

“I volti di Telefriuli nel tempo sono diventati parte delle famiglie friulane, condividendo sia momenti di spensieratezza che eventi importanti e solenni, tragici e divertenti. È un po’ come se in più di 40 anni – conferma Zilli – questa emittente e i friulani si fossero presi per mano, camminando e crescendo insieme e scoprendo ogni giorno qualcosa di nuovo”.

“Tutto questo però affermando l’importanza di continuare a parlare friulano: la nostra identità passa infatti anche e soprattutto attraverso la nostra lingua. Utilizzare la marilenghe in televisione – ribadisce l’esponente della Giunta – è un modo immediato e pratico per invogliare in particolare i ragazzi e i più giovani a utilizzarla perché rappresenta una grande ricchezza culturale, identitaria e di popolo. Ciò che siamo oggi è espressione della nostra storia”. 

“L’evento di questo pomeriggio – conclude Zilli – sarà l’occasione migliore per ringraziare i direttori Alfonso Di Leva e Alessandra Salvatori e i loro collaboratori per l’impegno dispiegato quotidianamente per far crescere ancora questa emittente”.

Ricette, risate e news anche in friulano, Telefriuli svela il nuovo palinsesto

Zanin: «Da Telefriuli servizio pubblico. Rafforza la specialità della nostra regione»

Bordin: «Da oltre 40 anni Telefriuli protagonista nell’affrontare i cambiamenti sul mondo»

La diretta:

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia