Dal 29 luglio si potrà nascere nuovamente a Latisana

Riapre in anticipo, rispetto a quanto preventivato, il reparto sospeso nel 2016. Se n’è parlato ieri sera durante il consiglio comunale, presente il vicepresidente della Regione Riccardo Riccardi
Alessandra Salvatori

Il punto nascita di Latisana riaprirà lunedì 29 luglio. E’ quanto emerso durante la riunione del consiglio comunale ieri sera, alla quale ha partecipato anche il vicepresidente della regione e assessore alla Salute Riccardo Riccardi. A darne notizia è il capogruppo della Lega in Consiglio regionale Mauro Bordin, che nel suo profilo facebook ha riportato i punti salienti del suo intervento. “Non vi sono vincitori e vinti ma solo una nuova organizzazione dell’offerta sanitaria che riteniamo possa rilanciare il Presidio Ospedaliero di Latisana/Palmanova, specializzando Latisana sull’emergenza/urgenza e Palmanova sull’attività programmata di qualità” ha ribadito.

“Ciò che abbiamo fatto – ha aggiunto Bordin – è stato decidere, assumendoci la responsabilità di una scelta per troppi anni posticipata da chi ci ha preceduto, che ha lasciato la questione aperta, sospendendo e non chiudendo il punto nascite di Latisana e concentrando le attività a Palmanova”. “La scelta – continua il capogruppo della Lega – ha tenuto conto del fatto che l’ospedale di Latisana serve il bacino turistico di Lignano Sabbiadoro/Bibione con circa 10 milioni di turisti annui, che il territorio di Latisana è decentrato e, rispetto a Palmanova, più distante dagli altri presidi ospedalieri e che l’ospedale di Latisana confina con il Veneto e un’alta qualità dell’emergenza/urgenza può attrarre utenti con conseguenti benefici sotto il profilo economico per la nostra regione”.

Nel suo intervento al consiglio comunale Mauro Bordin ha poi detto che sono circolate molte falsità sulla vicenda. “Chiariamo – ha detto – che l’ospedale di Palmanova non verrà chiuso ma potenziato; che il personale che oggi lavora a Palmanova continuerà a lavorare con la consueta passione e capacità nell’Ospedale di Latisana, pertanto non ci sarà nessuna perdita di professionalità”.

L’esponente della Lega afferma poi che Latisana e Palmanova devono lavorare in modo sinergico, in stretta relazione con l’HUB di Udine ma in piena autonomia strutturale, funzionale e operativa. Secondo Bordin la nuova amministrazione regionale in questo anno ha posto nuove basi di crescita per la sanità nella Bassa Friulana. “In tal senso – ha aggiunto – scelta fondamentale è stata la chiusura dell’innaturale matrimonio con l’Azienda di Gorizia/Monfalcone, attraverso un divorzio consensuale che si concluderà nell’anno”.

LEGGI ANCHE Martines: «Deportazione di future mamme»

 

Potrebbe interessarti anche

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia