Dengue: due corregionali infettati all’estero

Riccardi: nessun allarmismo e casi contratti all'estero
Andrea Pierini
loading...

Sono due i casi di DENGUE in Friuli Venezia Giulia. Si tratta di una ragazza di 13 anni, appena rientrata da una crociera, e una ragazza maggiorenne che l’ha contratta sempre all’estero, ai Caraibi. Per fare il punto è stato attivato il tavolo presieduto dalla regione, con l’assessore Riccardo Riccardi, la Direzione generale e i responsabili della Prevenzione della Direzione centrale salute. Riccardi spiega che «l’attenzione resta alta sui casi ma non c’è allarmismo davanti ai fenomeni che si stanno osservando. Ad oggi abbiamo registrato 8 casi di contagio in Friuli Venezia Giulia rispetto ai 5 dello scorso anno». La 13enne residente a Trieste era stata subito ricoverata al Burlo non entrando in contatto con nulla, per questo non è stata attuata la profilassi, ed è stata dimessa tre giorni fa. Ieri sera invece è scattata la disinfestazione in un’area di circa 200 metri in via del ronco, sempre a Trieste, dove abita la seconda contagiata. Il virus non è trasmissibile tra esseri umani, il rischio è che una zanzara che punge un soggetto infetto trasposti in giro la malattia e per questo viene attivata la disinfestazione. Entrambe le giovani stanno bene. Tutti i fenomeni riscontrati in regione sono riconducibili a viaggi all’estero in aree dove la malattia è radicata come Asia, Africa e soprattuto sud America. In vista dell’approssimarsi della stagione estiva la Regione ha provveduto a distribuire il vaccino contro la Dengue alle Aziende Sanitarie, invitando chi si reca in paesi a rischio a effettua le profilassi, e ha inoltre adottato il nuovo piano regionale arbovirosi che pianifica le azioni di contrasto al diffondersi di malattie trasmesse dalle punture delle zanzare.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia