Disoccupato, umilia e picchia per anni la moglie davanti alla loro figlia

Anni di abituali maltrattamenti in famiglia. allontanato dalla casa familiare cittadino serbo residente a Trieste. Maltrattamenti reiterati che perduravano negli anni, fino a quando la moglie e la fig...
Paola Treppo

Maltrattamenti che duravano negli anni, fino a quando la moglie e la figlia hanno trovato rifugio in una struttura protetta. Al centro della vicenda un disoccupato di Trieste che costringeva la coniuge a mettere a disposizione lo stipendio di lei per fare fronte alle proprie necessità piuttosto che a quelle del nucleo familiare. Maltrattamenti abituali anche psicologici, con frequenti insulti e minacce, anche di morte; alla presenza della figlia minore, costretta ad assistere inerme. E poi maltrattamenti fisici, con percosse e non solo.

La donna veniva offesa e denigrata, spesso per gelosia immotivata. Era vittima di ingiurie e comportamenti minatori. L’uomo ha brandito un coltello minacciandola, le ha vietato più volte di uscire di casa, se non per andare a lavoro, di ricevere amici o di incontrarsi con altre persone.

Al culmine di una lite e all’ennesima minaccia di morte, la vittima ha denunciato i maltrattamenti. In quell’occasione il marito l’aveva trattenuta con violenza e le aveva strappato i vestiti. Le indagini, dirette dalla Procura di Trieste e svolte dalla sezione “reati contro la persona” della Squadra Mobile giuliana, hanno ricostruito la desolante cornice di quotidianità vissuta sia dalla donna che dalla figlia. Per l’uomo, un cittadino serbo, è scattata la misura cautelare dell’allontanato dalla casa familiare. Per lui anche il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo con moglie e figlia.

Potrebbe interessarti anche

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia