Dopo 19 giorni dal crollo del tetto, torna operativa la Solari

Già avviate le linee produttive nel capannone di Ovaro messo a disposizione dalla Comunità di Montagna
Giancarlo Virgilio

Macchine accese e 29 persone, tra operai e tecnici, già al lavoro. Le lancette della Solari sono tornate a muoversi e a scandire il tempo in Carnia, come hanno sempre negli ultimi 296 anni. L’azienda di Pesariis ha infatti ripreso l’attività dopo il crollo della copertura che si è verificato il 3 gennaio nello stabilimento di Prato Carnico, quando il tetto dell’immobile ha ceduto a causa delle abbondanti nevicate che hanno investito Alpi e Prealpi durante i primi giorni dell’anno. 

MA se le maestranze sono potute tornare ai lori posti di lavoro, lo hanno potuto fare perchè hanno potuto trasferire in poco tempo tecnologia e linee produttive in un capannone dismesso presente ad Ovaro, che la Comunità della Motagna della Carnia ha messo a disposizione della storica azienda di orologi della Val Pesarina.

Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente dell’Ente montano Francesco Brollo, oggi in visita insieme alla prima cittadina di Prato Carnico, Erica Gonano, al presidente della Solari Massimo Paniccia e al responsabile logistico Alessandro Domeneghetti.

“Si tratta di un record realizzato grazie alla volontà dell’azienda e dei lavoratori di riprendere subito – ha spiegato il primo cittadino di Tolmezzo -. Come Comunità di Montagna della Carnia abbiamo assecondato questo desiderio – di concerto col Comune – dando loro un luogo per farlo”. “La solari l’ho conosciuta da bambino, quando dava il tempo ai treni producendo gli orologi delle stazioni  – ricorda Brollo-. Ora dà loro anche la luce, realizzando i led dei freccia bianca e freccia rossa”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia