Una data unica per le elezioni europee e per le amministrative

Il governo dovrebbe ufficializzare domani la decisione alla quale è verosimile che la regione si adegui. E intanto si apre al terzo mandato al momento solo per i sindaci dei comuni sotto i 15 mila abitanti.
Andrea Pierini
loading...

Una prima apertura sul terzo mandato dei sindaci e la data delle elezioni europee l’8 e il 9 giungo. Sono questi i due temi che il Consiglio dei ministri affronterà domani. Partendo dalle elezioni alle europee verranno unite le amministrative che nel caso del Friuli Venezia Giulia riguarderanno 113 comuni tutti sotto la soglia dei 15 mila abitanti compresa Porcia che si ferma a 14.985 abitanti. In realtà la regione avrebbe la possibilità di scegliere un’altra data ma è prassi unificare il voto con l’obiettivo di ridurre i costi e di aumentare il quorum.

I seggi apriranno dalle 14 alle 22 del sabato e dalle 7 alle 23 di domenica. Il voto al sabato è una novità legata al fatto che l’Europa ha fissato il 9 come termine ultime per le elezioni. La bozza della proposta dovrebbe arrivare domani in Consiglio dei ministri e prevede un’altra novità importante, qualora confermata, ovvero la possibilità di un terzo mandato consecutivo per il sindaco per i comuni fino a 15 mila abitanti. Pierpaolo Roberti, assessore regionale agli enti locali, conferma le date «ovviamente non avrebbe senso fissare le amministrative in date diverse o in giorni diversi quindi anche noi ci adegueremo». Sul terzo mandato ai sindaci fino a 15 mila abitanti Roberti lo vede bene «speriamo che l’apertura venga allargata a tutto» facendo intendere che dovrebbe essere estesa a tutti i sindaci e ai presidenti di regione.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia