Electrolux: più lavoro a Susegana, 18 operai di Porcia accettano la trasferta

I sindacati chiedono la proroga del contratto di solidarietà per contenere gli esuberi
Daniele Micheluz
loading...


A Porcia c’è il contratto si solidarietà per contenere gli esuberi, mentre a Susegana il lavoro aumenta e si avverte la carenza di maestranze. Sono le due facce di Electrolux, male le lavatrici bene i frigoriferi. Una situazione che ha indotto la direzione della multinazionale a chiedere la disponibilità di operai in servizio nello stabilimento purliliese: 18 addetti hanno a accettato di lavorare in trasferta, come fanno saper i sindacati trevigiani e pordenonesi che stanno seguendo la vicenda. I dipendenti trasferiti riceveranno fino al prossimo luglio una retribuzione aggiuntiva di 10 euro al giorno. Gianni Piccinin, segretario regionale della Fim Cisl conferma la disponibilità degli operai pordenonesi e auspica la proroga del contratto di solidarietà per salvare gli 85 esuberi della fabbrica friulana. Secondo le Rsu Susegana è gravata oltre che da un lieve aumento delle vendite, anche da ritardi produttivi connessi alla difficoltà di messa a punto della nuova fabbrica “Genesi”, dove si producono frigoriferi di fascia alta. Non è escluso, perciò, che venga anticipato a luglio il passaggio a due turni della seconda linea di Genesi, in anticipo sui programmi. Intanto gli operari di Porcia vanno in soccorso ai colleghi, con la speranza che anche lo stabilimento friulano possa vedere l’auspicato aumento dei volumi.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia