Emergenza Covid-19, il Comune di San Vito riattiva un numero unico di solidarietà

Un riferimento prezioso per richiedere informazioni, per la consegna a domicilio della spesa settimanale, medicinali e beni di prima necessità; è possibile chiamare il numero 333 6131521, attivo dal l...
Redazione

San Vito al Tagliamento – Un riferimento prezioso per richiedere informazioni, per la consegna a domicilio della spesa settimanale, medicinali e beni di prima necessità. Con i numeri dei contagi da Covid-19 in continua salita anche a San Vito al Tagliamento (l’ultimo dato comunicato dal Sindaco Antonio Di Bisceglie è di 80 persone coinvolte, di cui 29 casi positivi nella cittadina, al 10 novembre) l’Amministrazione comunale ha riattivato da lunedì 9 novembre il numero unico gestito dal Servizio sociale del Comune di San Vito.

“Per chi si trova in quarantena a causa del coronavirus, senza una rete di parenti e amici che può dare un aiuto, e dunque ci si trova in difficoltà e si ha bisogno di aiuto – fa sapere il Sindaco Di Bisceglie – è possibile chiamare il numero 333 6131521, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 12”.

A cosa serve

Il servizio offre risposte e delucidazioni in merito a situazioni a persone in difficoltà a causa dell’emergenza, può inoltre attivare i servizi come consegna domiciliare di medicinali o di beni di prima necessità in caso di quarantena o isolamento

“Non è un numero d’emergenza e non si sostituisce ai servizi dei medici di base in materia sanitaria – specifica l’Assessore alle Politiche sociali, Susi Centis – ma un numero rivolto alle persone fragili, in situazioni di difficoltà anche perché sole, anziani, residenti o domiciliati nel territorio di San Vito”.

Durante i mesi della prima ondata del coronavirus, da marzo a giugno 2020, il Comune ha gestito diverse centinaia di telefonate al servizio attivando i servizi comunali di spesa a domicilio ma anche dando risposta a molte necessità o richieste relative a problemi sanitari generici, difficoltà economiche, buoni spesa, consegna delle mascherine o richiesta d’aiuto da parte dei volontari.

Un’esperienza che viene riproposta in questa nuova fase di emergenza sanitaria.

D

Foto d’archivio

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia