Equipaggio di una barca a vela prigioniero per tutta la notte sulle coste friulane

Il natante e rimasto incagliato nella zona di Porto Buso. A bordo c'erano 3 cittadini stranieri inesperti
Paola Treppo

Disavventura per un gruppo di diportisti austriaci che hanno raggiunto le coste del Friuli Venezia Giulia con una imbarcazione a vela di 12 metri.

Nella tarda serata di ieri l’equipaggio del natante è arrivato nella zona di Porto Buso tra Grado e Lignano. Non conoscendo l’andamento delle maree, forse per inesperienza o poca conoscenza della zona, è stato sorpreso dall’acqua bassa. Ha lanciato al SOS comunicando la propria posizione e la situazione.

Si sono attivati subito i vigili del fuoco del Comando di Gorizia che hanno competenza sulle acque interne. Allertata anche la Guardia Costiera di Monfalcone. In collegamento telefonico con l’equipaggio, i soccorritori si sono accertati in primo luogo che tutti stessero bene.

Poi sono partiti gli accertamenti. Per tutta la notte la vela è rimasta incagliata in un fondale sabbioso. Sono intorno alle 11 di oggi, sabato 15 giugno, l’unità da diporto ha ripreso la navigazione. Erano state già attivate tutte le procedure previste mettere sicurezza l’equipaggio e il natante arenato. Provvidenziale è stato il movimento delle maree. Capitaneria di Porto e Vigili del Fuoco raccomandano di informarsi sempre circa le aree che si intendono raggiungere per la navigazione.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia