Estorsione e spaccio di droga in stazione e vicino alle scuole: 500 cessioni di marijuana e hashish

A finire nei guai un ragazzo carnico di 21 anni che spacciava agli studenti
Redazione

Estorsione, spaccio di sostanze stupefacenti e violazione del divieto di ritorno: nei guai un ragazzo di 21 anni della Carnia. A conclusione di articolate indagini, mirate a frenare i reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti in ambito scolastico, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Tolmezzo, supportati dai colleghi della locale stazione e dal personale della polizia locale dell’Uti della Carnia, hanno denunciato a piede libero un 21enne carnico già noto alle forze dell’orine, resosi responsabile, nel corso dell’ultimo triennio, di reiterate cessioni di sostanze stupefacenti, per un totale di oltre 500 grammi di hashish e marijuana.

In particolare, le indagini hanno consentito di accertare che il giovane spacciatore, in più occasioni, vicino all’autostazione, e all’esterno degli istituti scolastici tolmezzini, aveva ceduto dosi di sostanze psicotrope a giovani studenti locali. Aveva anche, ripetutamente, minacciato un giovane del luogo per vedersi saldare un debito derivante dalla cessione di una dose di stupefacente.

Le indagini, inoltre, hanno portato all’identificazione e al deferimento in stato di libertà per il reato di spaccio di stupefacenti di 5 italiani tra i 21 e i 31 anni e due cittadini pachistani richiedenti asilo di 24 e 21 anni, tutti responsabili di reiterate cessioni di stupefacenti.

Potrebbe interessarti anche

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia