Festival del Giornalismo di Ronchi: si è parlato di guerre e giornalismo

Concluso ieri il ciclo di anteprime. Affollata la piazza di San Martino del Carso
Ivan Bianchi

Concluso con la serata a San Martino del Carso il ciclo di appuntamenti di ‘Aspettando il festival’, le tre giornate che hanno introdotto la settimana di svolgimento del Festival del Giornalismo di Ronchi dei Legionari. Un bilancio positivo con notevoli presenze sia mercoledì 5 giugno, che giovedì 6 giugno e venerdì 7. Tre le cornici, dal Piazzale Retrostante del Palazzo Municipale di Fogliano al Trieste Airport fino alla piazza di San Martino del Carso, come numerosi sono stati i temi trattati: sport e felicità, aeronautica e volo, giornalisti e guerra con esperti del settore. Nell’ultima serata vari gli ospiti, dal giornalista di guerra Gian Micalessin fino all’esperta Grande Guerra Elisa De Zan e allo storico Marco Cimmino, moderati da Vicsia Portel.

Ancora spazio a comuni del mandamento monfalconese con l’11 giugno che vedrà l’anteprima ufficiale a San Pier d’Isonzo dove si parlerà di cambiamenti climatici assieme a numerosi esperti, moderati da Marco Virgilio, giornalista, meteorologo e divulgatori. A dialogare con lui saranno Damien Degeorges, esperto di geopolitica artica, Filippo Giorgi, già vincitore del premio nobel nella squadra di Al Gore, Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente e Daniel Tescari, gestore della pagina Facebook ‘Pazzi per il meteo goriziano’. Ad introdurre sarà Renato Roberto Colucci dell’Unione Metereologica del Friuli Venezia Giulia. Serata che si avvarrà della traduzione di Laura Comand, giovane traduttrice friulana, e organizzata in collaborazione con Legambiente. Quindi l’inaugurazione del Festival mercoledì 12 giugno in Piazzetta Francesco Giuseppe e la prosecuzione della manifestazione nella stessa piazzetta fino a sabato 15.

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia