Il figlio di Vincenzo Paglialonga condannato per resistenza a pubblico ufficiale

Il ragazzo è diventato maggiorenne 4 mesi fa
Hubert Londero

Guai giudiziari per Amedeo Paglialonga, primogenito di Vincenzo Paglialonga, il 41enne condannato all’ergastolo il mese scorso per l’omicidio di Lauretta Toffoli. Il ragazzo, diventato maggiorenne a luglio, è stato riconosciuto colpevole dal Tribunale di Udine di resistenza a pubblico ufficiale. Il giudice Roberto Pecile gli ha inflitto tre mesi di reclusione, pena sospesa. Due settimane fa, il giovane si è scagliato contro i carabinieri giunti a Ribis per sedare una zuffa sorta nella comunità per minori, dove il neo diciottenne viveva e seguiva un corso per diventare cuoco. I militari dell’arma lo hanno fermato e portato in caserma. Paglialonga – difeso dall’avvocato Piergiorgio Bertoli, legale anche del padre – è stato trasferito in un’altra comunità friulana nei giorni successivi.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia