G20 Spiagge Italiane: anche Lignano firma il protocollo con l’Enit

Intesa su nuove strategie di promozione dei litorali più gettonati. Positivo il commento di Fanotto
Chiara Muzzin

Terminati di recente i lavori del G20 delle Spiagge Italiane, vertice che riunisce le principali località balneari della Penisola, tra cui Lignano, e che quest’anno si è svolto a Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto.

All’evento, organizzato dal Comune ospitante in collaborazione con Toscana Promozione Turistica e Regione Toscana, e con il patrocinio di Anci, Enit, Camera di Commercio Maremma e Tirreno e Provincia di Grosseto, si è parlato di sostenibilità ambientale, accessibilità e competitività delle spiagge.

I sindaci, ‘grandi player’ turistici, tra cui Luca Fanotto di Lignano, hanno firmato un protocollo d’intesa con l’Enit per “sviluppare e coordinare una serie di attività sistemiche per tutto il settore”, come ha riassunto Giancarlo Farnetani, primo cittadino di Castiglione della Pescaia. Fanotto è soddisfatto: il protocollo rappresenta, per lui, “un grande obbiettivo per una strategia integrata della promozione”, e il G20 “un appuntamento stimolante per un costruttivo confronto su problematiche comuni tra amministratori, operatori, e tutti coloro che gravitano nel turismo delle nostre coste”.

 

5 MACROAZIONI COMUNI E LA MISSIONE A BRUXELLES

I tavoli di confronto, tra esperti e stakeholders del pubblico e del privato, del G20s si sono chiusi individuando 5 macroazioni comuni su cui lavorare in maniera congiunta:

• Creazione di un brand delle Coste Italiane e attuazione del protocollo d’intesa siglato con l’ENIT

• Definizione dei nuovi criteri perequativi

• Missione a Bruxelles a novembre per incontrare il Presidente del Parlamento Europeo e discutere della direttiva Bolkestein

• Individuazione di una serie di standard comuni e condivisi per l’ospitalità e l’accessibilità

• Definizione di un piano di sicurezza integrata con il Ministero dell’Interno

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia