Gatta al capezzale dell’anziana che l’aveva adottata dopo un investimento

La donna, residente nella provincia udinese, aveva accettato in casa l'animale reduce da un grave investimento a Gorizia: immediato l'affetto creatosi tra le due, e durato fino alla fine
Matteo Femia

Viene salvata dall’associazione Zampette Cormonesi dopo un investimento sullo stradone della Mainizza a Gorizia che l’aveva resa temporaneamente cieca, sorda e con problemi neurologici. Ma grazie alle cure ricevute si riprende e viene adottata da un’anziana residente in provincia di Udine, ricambiando immediatamente l’affetto ricevuto e standole vicina anche sul letto di morte, fino alla fine.

La protagonista di questa storia da libro Cuore è una gattina nera che è stata salvata da morte certa, riuscendo a ristabilirsi completamente grazie al lavoro dei volontari e all’amore che la signora friulana le aveva donato accogliendola in casa su suggerimento della nipote. Un sentimento corrisposto dalla micia, che è stata poi accanto alla sua padrona anche sul letto di morte, senza separarsi da lei. “Siamo sicuri di aver reso felici la nonna, la gatta e adesso i figli, dai quali è stata ora adottata – spiega l’associazione Zampette Cormonesi – la compagnia di un affettuoso animale può essere  volte più terapeutica di qualsiasi altra cura”.

(foto da pagina facebook Zampette Cormonesi)

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia