Il riscatto di Turriaco, stralciata la cittadinanza onoraria conferita a Mussolini

Approvata la delibera di revoca con i voti della maggioranza. Polemiche a seguito dell'astensione da parte dei consiglieri della Lega. Il sindaco Bullian: "Non hanno ancora fatto i conti con la storia...
Giancarlo Virgilio
loading...

Con un atto simbolico, dopo quasi 97 anni, il Comune di Turriaco, ieri sera, ha revocato ufficialmente la cittadinanza onoraria che l’amministrazione conferì il 16 maggio del 1924 a Benito Mussolini. Non è il primo caso di revoca avvenuto in regione. Nel 2014, infatti, fu il Comune di Ronchi dei Legionari a stralciare la cittadinanza onorifica tributata al Duce. Secondo il sindaco Enrico Bullian, finalmente giustizia è stata fatta. “Grazie ai voti di maggioranza abbiamo riscattato quella brutta pagina per il Consiglio comunale  – ha affermato il primo cittadino -. Un atto che dedichiamo alle nuove generazioni, affinché crescano con i valori della Resistenza, dell’antifascismo e dell’adesione alla Costituzione repubblicana democratica”.

La delibera di revoca è stata votata con i 9 voti favorevoli dei due gruppi di maggioranza. Si sono astenuti, invece, i 4 rappresentanti della Lega che inaspettatamente hanno lasciato la riunione online al momento della delibera. Un gesto che il primo cittadino non ha affatto apprezzato in quanto il testo in votazione era estremamente asciutto e difficilmente non condivisibile.

“Ho trovato colmo di ignavia il comportamento consiliare del Gruppo della Lega, che ha abbandonato l’assise, adducendo scuse ridicole e indegne per rappresentanti istituzionali di un Paese civile e democratico”, ha spiegato Bullian. “Questo sarebbe per la destra aver fatto i conti con la propria storia?  – si domanda il primo cittadno, che poi attacca-. Purtroppo, le aree di connivenza con quello che rappresentò il fascismo sono ancora troppe e questo continua a essere un nervo scoperto per l’area sovranista. Avrei dato per scontato che tutti, oggi, avessero votato per revocare la cittadinanza onoraria al duce del fascismo, responsabile delle leggi razziali e delle guerre di conquista. Purtroppo non è così”.

Qui di seguito la delibera in votazione:

“Il consiglio comunale delibera di revocare la deliberazione del Consiglio comunale del 16 maggio 1924 avente ad oggetto Proposta conferimento della cittadinanza onoraria a S.E. Benito Mussolini”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia