Il sindaco di San Daniele: «Sono arrabbiatissimo. Quella di ieri sera una pagliacciata»

Anche il primo cittadino di San Daniele si unisce alle considerazioni del sindaco di Monfalcone: «Ci danno l'elemosina. Sindaci lasciati soli»
Redazione

Allo sfogo di Anna Maria Cisint, si è unita in queste ultime ore anche la delusione di un altro primo cittadino leghista, quella di Pietro Valent. Il sindaco di San Daniele del Friuli è furibondo per l’ “elemosina” annunciata ieri sera dal primo ministro Conte. Non solo, definisce l’intera conferenza stampa alla quale ha partecipato il Ministro dell’economia e finanze, Roberto Gualtieri e, in videocollegamento, il Presidente dell’Anci, Antonio Decaro, una vera “pagliacciata”.

“Sono uno che non si lamenta mai e che si arrabbia difficilmente – premette Valent-. Ma dopo che ieri sera da parte del Governo c’è stato l’annuncio che attraverso i Sindaci (“…le prime sentinelle sul territorio…”) sarebbero state assegnate risorse per dei buoni spesa a chi non avesse nemmeno la possibilità di acquistare i generi di primaria necessità, fatti i primi conti a spanne sono davvero arrabbiato. Il DPCM non c’è – prosegue il leghista -, ma nelle bozze che girano nella migliore delle ipotesi a San Daniele arriveranno 50mila euro, vale a dire 6,20€ per ognuno degli 8000 cittadini. Bene, non tutti ne avranno bisogno, mettiamo 1 su 3 (temo che saranno di più) verrebbero allora fuori 18,75€ a testa, una tantum.

È questo che significa per Roma non lasciare nessuno indietro o da solo? – si domanda Valent- . Qui di sicuro quelli che vengono lasciati soli sono i Sindaci! Mi rammarico anche per l’ANCI nazionale che si è prestato a questo siparietto– aggiunge il primo cittadino –, una elemosina che è un insulto alla nostra gente! Per me è una pagliacciata ed una vergogna! Sono arrabbiatissimo!”

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia