Incendio nella notte al silos: 170 persone all’addiaccio

Non ci sono feriti. Da Ics arriva l’appello: i trasferimenti fuori regione siano costanti perché ci sono ancora troppe persone al freddo
Andrea Pierini
loading...

Erano circa le due di notte quando le fiamme hanno avvolto alcune tende all’interno del silos probabilmente scaturite da un braciere usato dai migranti per scaldarsi. Paura ieri sera nella struttura dove vivono circa un centinaio di persone che attendono di entrare nel circuito dell’accoglienza. Nonostante la paura e due persone che hanno rischiato di restare intrappolate alla fine tutto si è risolto. Intanto da Ics arriva l’appello a incrementare e soprattutto stabilizzare il programma dei trasferimenti superando l’approccio “spot” e prevedendo una modesta quota settimanale da applicare con serietà e regolarità.

Secondo Ics sono almeno 170 i richiedenti asilo che hanno fatto domanda a Trieste e che rimangono senza accoglienza, tra cui alcune famiglie con minori. Per circa 60 di esse la mancata accoglienza perdura da più di un mese nonostante le persone abbandonate siano esposte a gravi rischi, anche di morte, a causa del rigido periodo invernale. Secondo i dati forniti dall’associazione le richieste di asilo sono circa 4 al giorno a conferma di come l’85% degli ingressi è costituito da rifugiati che non chiedono asilo a Trieste ma si allontanano rapidamente evitando di entrare nel circuito di accoglienza.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia