L’edicolante di piazza San Giacomo: «Non mi sposto in via Sarpi». Parte la raccolta firme

La titolare rifiuta il trasloco di fronte all'osteria Al Cappello. Le interviste fra i cittadini e l'opinione di mister Giacomini. Insorge il Partito democratico
Giancarlo Virgilio

Tutta la città di Udine ne parla. La vicenda dell’edicola di piazza Matteotti continua a far parlare di sé. Lunedì partirà una raccolta firme a sostegno dell’edicolante, Ilaria Pontil, che si ritrova con persone a carico e il mutuo ancora da pagare. La titolare del gazebo non ha nessuna intenzione di spostarsi a fianco all’ex mercato del pesce, l’attuale Galleria Modotti, e aspetta di confrontarsi con il sindaco solamente per un eventuale dislocamento in piazza San Giacomo.

Su un punto i cittadini che abbiamo intervistato (VEDI VIDEO) sono d’accordo, anche quelli che non vorrebbero più vedere il chiosco in quella posizione: l’attività deve continuare, il gazebo deve essere solamente spostato.

Più duro il commento della consigliera comunale del Pd Cinzia Del Torre, a cui si unisce anche il capogruppo in Consisglio Alessandro Venanzi, che questa mattina si è presentata in piazza per esprimere solidarietà alla titolare dell’edicola. «Sconvolge l’arroganza dimostrata da questa Amministrazione Comunale – spiega Del Torre-. Né il Sindaco né l’Assessore alle Attività Produttive e nemmeno il Consigliere Delegato al Commercio hanno, fino a stamattina, trovato il tempo di parlare con la Signora per cercare insieme a lei una soluzione. La politica non serve a nulla se si appiattisce semplicemente sul parere di un Ente Pubblico, come la Sovrintendenza, senza valutare i vari interessi in gioco e soprattutto senza trovare soluzioni che tutelino tutti soggetti direttamente coinvolti. In questo caso – conclude –, oltre all’estetica della Piazza, è importante tutelare il Diritto all’onesto Lavoro della Signora e della sua famiglia, ed il servizio che l’edicola rende, da oltre 30 anni, ai cittadini di Udine».


Potrebbe interessarti anche

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia