Liberate nuove marmotte sul Monte Plauris

Grazie al progetto di reintroduzione promosso dall'Ente Parco Prealpi Giulie, con la collaborazione del Corpo forestale regionale e di diversi volontari, è aumentato di molto il numero delle ma...
Paola Treppo

Grazie al progetto di reintroduzione promosso dall’Ente Parco Prealpi Giulie, con la collaborazione del Corpo forestale regionale e di diversi volontari, è aumentato di molto il numero delle marmotte in una delle aree più belle, e significative sotto il profilo naturalistico dell’area protetta, quella del Monte Plauris, sopra Venzone.

La prima reintroduzione risale agli anni ’70 ed era stata portata avanti dal Comitato provinciale della caccia in collaborazione con la locale Riserva di caccia.

Nell’85 il numero di questi esemplari era calato di molto per diminuire sostanzialmente intorno al 2000; allora le marmotte si potevano contare sulle dita di una mano. È stato avviato così un piano per consentire loro aumento con il fine di creare delle comunità stabili. In questi ultimi anni sono state reintrodotte quasi 60 marmotte.

Le ultime, 13 esemplari, sono state liberate lunedì scorso e un altro gruppo sarà liberato nei prossimi giorni, in arrivo dall’area di Bolzano. Prima di essere liberate, le marmotte sono state controllate dal veterinario ed è stata messa loro la marca auricolare. (Fotografie di Cristina Comuzzo e Marco Di Leonardo)

 

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia