Malore nell’oceano, muore a Capo Verde il biologo udinese Tiziano Scovacricchi

Per una vita ricercatore del Cnr, ad agosto si era trasferito nell'arcipelago al largo del Senegal. Il ricordo di Alberto Zeppieri
Alessandra Salvatori
loading...

Un malore sulla spiaggia in un’isola di Capo Verde, mentre faceva il bagno nell’oceano il giorno di Natale, è costato la vita al biologo marino in pensione Tiziano Scovacricchi. Udinese, terzogenito dell’ex sottosegretario friulano Martino Scovacricchi, avrebbe compiuto 68 anni il prossimo 18 gennaio.

Il suo corpo riverso sulla spiaggia Grande di Calhau, nell’Isola di Sao Vicente, è stato notato da alcuni turisti nella tarda mattinata del 25 dicembre. Nel primo pomeriggio sono arrivati i vigili del fuoco, che ne hanno accertato la morte. Scovacricchi si era trasferito nell’arcipelago di Capo Verde ad agosto. La mattina del giorno di Natale, come faceva sempre, sarebbe uscito di casa per un tuffo nell’oceano, poco distante dalla sua abitazione. Poi sarebbe stato colto da un malore, che non gli ha lasciato scampo.

Biologo marino, per una vita intera ha lavorato al Cnr. Negli ultimi anni aveva collaborato in regione con l’Ente tutela pesca, lavorando al progetto sull’eradicazione del gambero rosso della Louisiana e la tutela delle specie autoctone.

Tra gli ultimi a sentirlo per gli auguri di Natale c’è un altro friulano che ha scelto di vivere a Capo Verde, Alberto Zeppieri. “Eravamo in contatto per il mio progetto musicale Capo Verde Terra d’amore – racconta a Telefriuli – al quale era interessato perché cantava in un coro locale e si era appassionato alla cultura canora di Capo Verde. Ci eravamo visti a novembre e a dicembre nella sua isola, Sao Vincente – continua Zeppieri – e lo avevo trovato bene. Aveva una passione grandissima per il mare e aveva deciso di vivere da solo in una località abbastanza selvaggia, piuttosto isolata. Gli avevo chiesto il perché, quando ero stato a trovarlo a casa con mia moglie Cinzia. Mi aveva risposto che a lui piaceva molto l’idea di svegliarsi al mattino vedendo alle sue spalle solo la montagna e davanti a sé solo il mare. “Voglio morire qui quando sarà l’ora” mi aveva confidato – aggiunge Zeppieri. Ma mai avrei pensato che questo sarebbe stato l’epilogo”. Scovacricchi per altro aveva risposto con entusiasmo all’invito di Zeppieri di adoperarsi per la nascita del primo Fogolar Furlan di Capo Verde. Tiziano Scovacricchi lascia 4 figli.

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia