Malore lungo il sentiero, morto l’ex rettore di Trieste

A perdere la vita sul Monte Carso Maurizio Fermeglia. Purtroppo inutili i soccorsi e il lungo massaggio cardiaco
Giancarlo Virgilio
loading...

L’ex rettore di Trieste Maurizio Fermeglia è morto questo pomeriggio durante un’escursione in solitaria in una zona impervia del Monte Carso.

A trovare l’ingegnere 68enne a terra, privo di sensi, è stato un turista austriaco. Le sue grida sono state udite da altri due giovani, che immediatamente si sono diretti sul luogo dal quale provenivano le richieste di aiuto. Proprio uno dei due ragazzi, studente di medicina, ha iniziato un lungo massaggio cardiaco, proseguito fino all’arrivo dei soccorritori, giunti sul posto con 8 tecnici del Soccorso alpino.

Inutili, purtroppo, i tentativi di rianimazione cardiopolmonare compiuti fino all’arrivo dell’elicottero sanitario. Proprio al medico giunto in volo con il mezzo regionale è toccato constare il decesso dell’ex rettore, conosciuto a Trieste anche per aver ricoperto il ruolo di capostazione della stazione del Soccorso Alpino di Trieste per diversi anni. La salma di Fermeglia, ottenuto il nullaosta per la rimozione, è stata poi rimossa e trasportata con il secondo elicottero regionale all’ospedale di Trieste.

Fermeglia lascia una moglie e due figli. Si era laureato in Ingegneria chimica a Trieste nel 1980. Dal 2006 al 2012 aveva diretto a Trieste il Dipartimento di Ingegneria e Architettura, mentre dal 2010 al 2012 è stato presidente del Consiglio delle Strutture Scientifiche, oltre che direttore della Scuola di dottorato in Nanotecnologie. Dal 2011 al 2013 è stato membro del Senato Accademico dell’Ateneo giuliano. Università che ha poi guidato dal 2013 al 2019.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia