Maturità: tra le tracce anche una poesia scritta tra le trincee del Fvg

Tra le proposte suggerite per la prima prova c'è anche 'Il porto sepolto', poesia scritta da Giuseppe Ungaretti tra i combattimenti della Prima guerra mondiale
Redazione

Ogni mio momento
io l’ho vissuto
un’altra volta
in un’epoca fonda
fuori di me

Sono lontano colla mia memoria
dietro a quelle vite perse

Mi desto in un bagno
di care cose consuete
sorpreso
e raddolcito

Rincorro le nuvole
che si sciolgono dolcemente
cogli occhi attenti
e mi rammento
di qualche amico
morto

Ma Dio cos’è?

E la creatura
atterrita
sbarra gli occhi
e accoglie
gocciole di stelle
e la pianura muta

E si sente
riavere.

‘Il porto sepolto’, la poesia che Giuseppe Ungaretti pubblicò a Udine nel 1916, tra le tracce dello scritto di italiano. Gli esami di maturità iniziati oggi in tutta Italia hanno un pizzico di Friuli. I ragazzi – 9.200 nella nostra regione – questa mattina alle 8.30, tra le proposte suggerite per sviluppare il tema d’italiano hanno trovato il componimento che parla di un soldato di prima linea, sul San Michele e a Sagrado. Quell’estate, il poeta consegnò a un giovane tenente il suo ‘tascapane spirituale’, con le poesie scritte nei mesi della guerra su supporti di fortuna: fogli, foglietti, cartoline, vecchi giornali, lettere… Colpito dalla forza di quei versi, Ettore Serra – poeta a sua volta – propose all’amico soldato di pubblicarli a proprie spese nello Stabilimento Tipografico Friulano di Udine. Lì, in quella che poi divenne la Tipografia Doretti, viene stampata e pubblicata durante l’inverno (il 24 dicembre 1916 si ha la conferma della pubblicazione, perché una copia venne depositata nella Regia Procura) la prima silloge di Ungaretti in sole ottanta copie. Con il titolo ‘Il porto sepolto’ raccoglie le poesie scritte in un anno, dal primo giorno in trincea, il giorno di Natale 1915, ed entra nella storia della letteratura, cambiandola radicalmente.

LE ALTRE TRACCE

La prova d’italiano è diversa rispetto agli scorsi anni: prevede infatti due di analisi del testo, tre tracce di tipo argomentativo e due di attualità. Tra gli argomenti ci sono anche Corrado Stajano ed ‘Eredità del Novecento’ e Leonardo Sciascia, con un brano tratto da ‘Il giorno della civetta’. Tra le proposte anche una dedicata a Gino Bartali, il campione di ciclismo nominato giusto tra le nazioni per aver salvato numerosi ebrei. Tra le prime indiscrezioni anche il nome di Philip Fernbach sull’illusione della conoscenza, un brano di Montanari sull’uso del futuro e la figura di Carlo Alberto dalla Chiesa, martire dello Stato. Il Ministro Marco Bussetti, che ha scelto personalmente gli argomenti per la nuova maturità, ha affidato ai social il suo ‘in bocca al lupo’: “Cari ragazzi, è arrivato il momento. Forza! Sono certo farete del vostro meglio! Buon lavoro a tutti e ricordatevi: la fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’opportunità”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia