La mini naja volontaria divide opposizione e maggioranza

A lanciare la proposta Fratelli d’Italia nel corso dell’adunata degli alpini di Udine
Andrea Pierini
loading...

Reintrodurre il servizio militare anche solo su base volontaria e di durata breve, al massimo due mesi. Fratelli d’Italia con la premier Giorgia Meloni e il presidente del Senato Ignazio La russa rilancia la proposta e il consiglio regionale si divide. Francesco Martines del Partito democratico, sottolineando la sua contrarietà alle armi, parla di una destra che «farebbe bene a uscire da anacronistici impieghi militari e pensare, se davvero si vuole guardare all’educazione e formazione dei giovani, a forme più utili alla società odierna, come il servizio civile. Mancano poi le strutture». Furio Honsell, di Open fvg, parla di una proposta della Meloni ancora molto generica «una boutade e in questo momento il paese ha bisogno di ben altro. Esiste già il servizio civile e al limite si potrebbe estendere la cosa alla Protezione civile».

Sul fronte opposto invece il capogruppo della Lega Antonio Calligaris evidenza che il primo a rilanciare un nuovo servizio militare è stato proprio Matteo Salvini: «l’obiettivo – spiega Calligaris – è di avere un forte spirito formativo all’insegna di diritti e doveri. Esiste poi il quadro geopolitica internazionale con gli esperti che spiegano come in questo momento storico un esercito di soli professionisti potrebbe non essere sufficiente. L’auspicio è che sia Comunque una leva su base regionale che potrebbe coinvolgere anche la Protezione Civile». Infine Alessandro Basso di Fratelli d’Italia: «è chiaro che l’aggettivazione piccola naja è fuori dal tempo ma bisognerebbe pensare a qualcosa rivolto a tutti i giovani, maschi e femmine, in grado di consentire un percorso di crescita, indipendenza e sviluppo delle autonomie, obiettivi molto importunai in questo periodo storico».

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia