A Monfalcone possibile raccogliere la legna depositata lungo il litorale

E' il primo Comune in Regione ad adottare un’ordinanza in materia
Redazione

Monfalcone primo Comune in Regione ad adottare un’ordinanza che permette ai cittadini la raccolta ad uso privato delle tonnellate di legna che a causa del maltempo si sono depositate lungo il litorale della città.

“Sicurezza e fruibilità gli obiettivi che vogliamo perseguire adottando questa ordinanza”, spiega il sindaco Anna Maria Cisint, “evitando che le legna ammassata sulle coste si riversi in mare con l’alta marea e crei ulteriori disagi e problemi di sicurezza in mare alle imbarcazioni, nonché rendendo le spiagge fruibili ai cittadini: non dimentichiamo che uno dei nostri compiti è quello di assicurare la fruibilità degli spazi pubblici. Inoltre, in questo modo, consentiamo a chiunque lo desideri la raccolta del legno per uso privato, che con l’arrivo del freddo diventa molto utile nell’alimentare stufe e caminetti, sgravando il Comune dai costi dello smaltimento dei materiali”.

L’ordinanza, adottata a seguito del sopralluogo condotto stamane dal sindaco Anna Maria Cisint, alla presenza del vice sindaco Antonio Garritani, dei dirigenti Enrico Englaro e Marco Marmotti, del comandante della Polizia Locale Rudi Bagatto e dal Coordinatore della Protezione Civile Andrea Olivetti, è stata condivisa per le vie brevi con il Comandante della Capitaneria di Porto di Monfalcone Giuseppe Siragusa e con il Prefetto di Gorizia Raffaele Ricciardi.
Valida da oggi, prevede la completa responsabilità, anche verso terzi, della raccolta e del trasporto del legname a carico di chi effettua le operazioni e disciplina le modalità di raccolta ed utilizzo del materiale. La raccolta dovrà infatti essere limitata esclusivamente al materiale ligneo naturale accumulato sulle spiagge, il legname dovrà essere prelevato tal quale, senza essere lavorato o sezionato sul posto, e la raccolta è finalizzata all’uso personale, senza avere alcuno scopo di lucro.

La Polizia Locale verificherà il regolare svolgimento delle operazioni.

In generale, “possiamo affermare che sino ad oggi il monfalconese ha retto molto bene l’allerta rossa: questa notte non abbiamo avuto alcun problema di allagamento grazie alle vasche di via Colombo e del ponte del brancolo e tutta l’illuminazione pubblica ha tenuto. Ciò grazie alle manutenzioni ordinarie e straordinarie che effettuiamo sul territorio e all’operato dei volontari della Protezione Civile e dei tecnici comunali, che pure questa notte sono stati presenti sul territorio”.

“Abbiamo anche mandato a tutte le associazioni che agiscono sul mare ed ai concessionari un avviso con il quale ci mettiamo a disposizione quale punto di riferimento per la quantificazione dei danni del maltempo, mentre attendiamo le direttive nazionale e regionali” spiega ancora il Sindaco, “rendendoci punto di riferimento per privati, associazioni e imprese”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia