Morte Stefano Borghes, condanna in primo grado a un anno e dieci mesi per Ziberna

Pene appena più lievi, un anno e quattro mesi, per gli altri cinque imputati per omicidio colposo, la tragedia avvenne nel luglio del 2020 al parco Coronini-Cronberg di Gorizia
Matteo Femia
loading...

Condanna in primo grado a un anno e dieci mesi per il reato di omicidio colposo per la morte di Stefano Borghes, caduto in un pozzo del parco Coronini-Cronberg il 22 luglio 2020 durante lo svolgimento di un centro estivo. E’ quanto ha deciso oggi il giudice Cristina Arban a carico del sindaco di Gorizia e presidente della Fondazione Coronini-Cronberg Rodolfo Ziberna al termine di poco meno di un’ora e mezza di camera di consiglio al Tribunale del capoluogo isontino. Condanna, sebbene di poco più lieve, per lo stesso reato anche per gli altri membri del curatorio della Fondazione stessa: un anno e quattro mesi per Maurizio Boaro, Tiziana Gibelli, Marco Menato, Bruno Pascoli e Raffaella Sgubin. Per tutti gli imputati anche due mesi per violazione della normativa anti-infortunistica. La giudice Arban ha così accolto la richiesta di condanna della pm Ilaria Iozzi, sebbene riconoscendo le attenuanti generiche e quindi con una sentenza molto inferiore rispetto agli oltre 4 anni chiesti per tutti gli imputati nel corso del dibattimento.  

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia