Home / News / 'Nulla deve essere lasciato al caso', le opere di D’Olivo in mostra a Udine

'Nulla deve essere lasciato al caso', le opere di D’Olivo in mostra a Udine

In occasione del centenario della nascita, il Comune di Udine rende omaggio all'architetto udinese

Inaugurata questa mattina alle 11 nel Salone del Parlamento del Castello di Udine la mostra  dal titolo “Marcello D’Olivo, architetto del mondo in Friuli Venezia Giulia”. 

In occasione del centenario della nascita, il Comune di Udine rende omaggio a Marcello D’Olivo: “lavoratore della matita”, artista, architetto, urbanista e progettista visionario.

Dal 4 dicembre 2021 al 30 aprile 2022, il Salone del Parlamento del Castello di Udine e le sale adiacenti ospiteranno una mostra tra architettura e arte, linee e disegni che raccontano D’Olivo, il suo pensiero, l’amore per la natura e la grande creatività.

L’esposizione, curata da Silvia Bianco e Bernardino Pittino, presenta l’architetto che, durante i quarantacinque anni di carriera, progettò quasi 400 architetture, lavorò in tutto il mondo, si trasferì più volte in diverse città, pur rimanendo legato affettivamente alla sua terra d’origine.

Con l’intenzione di mettere in luce l’importanza del rapporto con la nostra regione, sono stati raccolti numerosi progetti realizzati e non, soprattutto risalenti ai primi anni di attività.

L’archivio D’Olivo, conservato dai Civici Musei presso le Gallerie del Progetto, è la fonte per presentare alcune delle architetture e dei piani urbanistici, non realizzati e poco conosciuti: schizzi e disegni tecnici realizzati a matita, pastello e china, presentano la visione di D’Olivo del territorio friulano.

Le opere realizzate, invece, sono esposte attraverso le fotografie. Le immagini storiche conservate sempre nell’archivio D’Olivo, propongono il cantiere e gli edifici subito dopo la loro costruzione, mentre, da una collaborazione con il Circolo Fotografico Friulano, nascono le fotografie delle architetture doliviane oggi.

La natura e l’artificio, il disegno e il segno sono componenti essenziali per questa personalità non solo in campo architettonico ma anche nel settore grafico e pittorico, come si rinviene nei disegni su carta e su tela esposti, appartenenti a collezioni private.  In mostra galli, cavalli e tori, i pensatori e naturalmente gli alberi che d’Olivo non si stancava mai di disegnare e rapportare anche al costruito, all’artificio.

Grazie alla collaborazione con il Centro Friulano Arti Plastiche, di cui D’Olivo fu socio, la mostra si apre alla città con l’esposizione diffusa “Rileggere D’Olivo”: un percorso attraverso i “luoghi mancati” di D’Olivo. A Udine, in prossimità delle zone nelle quali l’architetto realizzò i progetti poi non realizzati (viale Venezia, piazzale Osoppo, via Leonardo da Vinci, via Bariglaria e l’autostazione), vengono collocate, nel corso del mese di dicembre, cinque installazioni che verranno arricchite in loco dagli artisti con interpretazioni pittoriche.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori