Msc si candida al salvataggio di Wartsila

Il progetto prevede la produzione di carri ferroviari e nessun esubero di lavoratori
Redazione


Il gruppo di shipping e logistica Msc si candida al salvataggio dello stabilimento Wartsila di Bagnoli della Rosandra.
L’intenzione del proprietario della Mediterranean Shipping Company, Gianluigi Aponte – riferiscono alcuni media – sarebbe di produrre carri ferroviari nell’impianto di Bagnoli della Rosandra.
Il progetto prevede il riassorbimento delle circa 300 unità oggi in esubero.
La notizia è trapelata a Genova a margine di un incontro con il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi.
In un’intervista al quotidiano di Genova Il Secolo XIX, Aponte dice di aver “raggiunto un accordo”, specificando che “Wärtsilä ha chiuso uno stabilimento che produceva motori e ha licenziato 300 persone. Noi riprendiamo le 300 persone e creiamo una fabbrica di carri ferroviari per il trasporto di merci. Si tratta di mezzi particolari che permettono di trasportare più carico. È una bella struttura che peraltro ci serve”.
L’iniziativa si inquadrerebbe perfettamente nel sistema industriale della Msc visto che il gruppo è azionista di riferimento di Medway, impresa ferroviaria che opera in Italia e in diversi paesi europei, e con la MedLog è leader nella logistica.
Nell’ambito del potenziamento del gruppo, Msc ha appena acquisito il 51 per cento di Italo, con l’ambizione, appunto, di sviluppare il trasporto merci.

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia