Niccolò finalmente in Italia: è risultato negativo al Coronavirus

L'aereo militare che ha rimpatriato lo studente di Grado è atterrato alle 7.35
Ivan Bianchi
loading...

“Bentornato a casa”. Sono queste le parole che Luigi di Maio, ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, ha utilizzato per salutare il giovane Niccolò, lo studente gradese rimasto bloccato in Cina per qualche giorno a seguito della misurazione di alcune linee di febbre prima dell’imbarco. Ben due i tentativi andati in fumo mentre il terzo ha consentito al giovane di salire sul KC-767, l’aereo militare che lo ha portato, stamattina, precisamente alle 7.35, all’aeroporto di Pratica di Mare. Ora sarà accolto nelle strutture militari organizzate per la quarantena. Ad attenderlo all’aeroporto lo stesso di Maio che ha anche postato un video con l’arrivo dell’aereo sui social.

Le prime analisi, in ogni caso, hanno dato esito negativo per cui il giovane ora dovrà solo completare il periodo di ricovero in isolamento, dal quale può comunicare con computer e cellulare. A comunicare le misure la direzione sanitaria dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani.

Rimane alta l’allerta a livello nazionale e internazionale, con un bilancio che per ora parla di 1523 decessi e 11.053 ammalati che versano in gravi condizioni. Gli infettati rimangono circa 66mila. Allo Spallanzani di Roma, infine, dei tre ricoverati che hanno contratto il Covid-19 uno è in buone condizioni, ovvero il ricercatore italiano ritornato dalla Cina, mentre per i due coniugi cinesi le condizioni sono stabili con condizioni cliniche stabili.

Sul rimpatrio del giovane gradese, il vicepresidente Riccardi ha voluto ringraziato pubblicamente il ministro della Salute Roberto Speranza. “Desidero ringraziare Roberto Speranza al quale, insieme al presidente Fedriga , avevamo sollecitato la necessità di riportare a casa Niccolò nel corso dei Comitati operativi al Dipartimento Protezione Civile – ha scritto su Twitter-. Grazie al senatore Pierpaolo Sileri e a tutti coloro che si sono adoperati per questo risultato”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia