Nuovo questore a Trieste: è Irene Tittoni, super esperta in tematiche migratorie

Questa mattina l'insediamento con la deposizione di una corona d’alloro ai Caduti della Polizia di Stato nel famedio della Questura
Andrea Pierini
loading...

Questa mattina si è insediata Irene Tittoni, il nuovo questore della provincia di Trieste che subentra al dirigente Giuseppe Petronzi, ora suo omologo nella provincia di Milano.

Originaria della provincia di Rieti, Tittoni si è laureata in Scienze Politiche all’Università La Sapienza di Roma. Entrata in Polizia di Stato nel 1988 assume il suo primo incarico presso la Questura di Roma.

L’esperienza maturata in materia migratoria e di frontiera le ha consentito di rivestire ruoli di rilievo, in ambito nazionale, europeo ed internazionale, presiedendo diversi gruppi di lavoro durante la presidenza italiana dell’unione europea. 

Nel lungo percorso professionale, dedicato quasi integralmente alle tematiche migratorie, la dr.ssa Tittoni ha svolto un ruolo di rilievo nell’ambito della cooperazione transfrontaliera.

In tale ambito ha curato la redazione di accordi operativi finalizzati alla gestione del fenomeno migratorio ai confini di stato. In particolare, dal 2015 al 2017, in qualità di Direttore della IV Zona di Polizia di Frontiera – Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino Alto Adige –   ha intensificato la cooperazione operativa con le autorità austriache che ha portato alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa per la realizzazione di pattugliamenti congiunti sul confine italo-austriaco.

Detto accordo ha consentito di infrenare, in modo significativo, il flusso dei migranti che, provenienti dalla rotta balcanica, tentavano l’ingresso in Italia attraverso quel confine di stato.

Nel 2016 ha avviato analoghe iniziative con le autorità slovene, finalizzate alla sottoscrizione di un accordo tra la IV Zona Polizia di Frontiera di Udine e la Direzione di Polizia di Koper (Capodistria – Slo) sulla vigilanza coordinata della comune fascia confinaria italo-slovena nelle provincie di Trieste e Capodistria.

Recentemente, in qualità di Direttore del Servizio Polizia delle Frontiere e degli Stranieri, ha tra l’altro curato la stesura di un protocollo di attuazione del pattugliamento misto al confine italo-sloveno, attività avviata dal 1° luglio 2019 e attualmente sospesa a causa della pandemia.

Il suo primo gesto a Trieste è stato quello di deporre una corona d’alloro ai Caduti della Polizia di Stato nel famedio della Questura, presenti – nel rispetto della normativa anti-Covid – il Vicario del Questore, dr. Aldo Mannella, il Cappellano provinciale della Polizia di Stato don Paolo Rakic, due Funzionari della Questura e una delegazione della sezione locale dell’Associazione nazionale Polizia di Stato con il labaro.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia