Sara e Jessica morte sulla A28, condanna definitiva per Dimitre Traykov

La Cassazione ha respinto l'appello dell'imprenditore bulgaro, ora nel carcere di Pordenone
Hubert Londero
loading...

Dimitre Traykov, responsabile dell’omicidio stradale delle cugine Sara Rizzotto e Jessica Fragasso, di 26 e 20 anni, decedute due anni fa sull’A28, è stato arrestato ieri sera. L’imprenditore bulgaro di 62 anni è stato portato in carcere a Pordenone subito dopo la sentenza con cui la Cassazione ha rigettato l’appello e reso definitiva la condanna a 7 anni di reclusione inflitta nel 2022 dal Tribunale della città sul Noncello e confermata un anno dopo dalla Corte d’Appello di Trieste. L’uomo si trovava da due anni agli arresti domiciliari.

La tragedia risale al 30 gennaio 2022, quando tra Villotta e Azzano X il fuoristrada guidato da Traykov tamponò a 180 chilometri orari la Panda a bordo della quale viaggiavano le due donne e le figlie della 26enne, miracolosamente sopravvissute al terribile schianto. L’imprenditore, al quale sono stati contestati l’omicidio stradale plurimo, l’omissione di soccorso e le lesioni subite dalle piccole, fu visto sul luogo dell’incidente e poi andarsene. Fu rintracciato successivamente a casa propria.

Un esito, quello del processo, che per il difensore era ampiamente prevedibile. “Se l’udienza in Cassazione fosse stata fissata in estate invece che il 9 gennaio – dice l’avvocato Maurizio Mazzarella – il mio assistito avrebbe potuto accedere ai benefici penitenziari”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia