Home / News / Omicidio Toffoli, il luminol fa riemergere le tracce di sangue

Omicidio Toffoli, il luminol fa riemergere le tracce di sangue

Nonostante il lavaggio dell’assassino, le tracce sono riemerse in maniera evidente

L’assassino ha lavato inutilmente l’appartamento di Lauretta Toffoli: le tracce di sangue sono riemerse grazie al luminol. E’ questo uno dei risultati ottenuti dalla scientifica di Padova nel sopralluogo di oggi in via della Valle, durato circa 10 ore. Gli agenti sono entrati verso nel 10 nella palazzina Ater dove 17 giorni fa si è consumato l’omicidio della 74enne per finire l’indagine alle 17. Erano presenti anche Edi Sanson e Linda Pontoni, l’esperto di scena del crimine e la criminologa consulenti di Piergiorgio Bertoli, difensore di Vincenzo Paglialonga. 

La scientifica ha passato al setaccio l’abitazione dell’indiziato, per poi tornare a casa di Lauretta. “In entrambi gli appartamenti - ha spiegato Sanson - è stato usato il luminol, reagente capace di rilevare il sangue. Nonostante il lavaggio dell’assassino, le tracce sono riemerse in maniera evidente. Ciò consentirà di ricostruire - conclude - la dinamica di quanto accaduto quella notte”. Dalle due abitazioni è stato prelevato diverso materiale. 

Immagine d'archivio

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori